Notizie
Categorie: Dilettanti - Promozione

Muro di Bolsena in via di Settebagni: la Boreale impatta 0-0

All'Academy Sport Center zero gol e un solo tiro in porta per la compagine di Franceschini, per la gioia degli ospiti e delle inseguitrici



13a Giornata - 30 nov 2014
0 - 0

BOREALE Giorgi sv, Gioia 6 (1'st Matarelli 6), Di Vincenzo 6.5, Gialli 6, Martino 6, Menna 6, Ferranti 5.5 (8' st Leonardi 6), Filomena 5.5, Groos 5.5 (31' st Di Legge sv), Di Gennaro 6, Troccoli 6.5 PANCHINA Barretta, Fia, Quadrani, Rizzo ALLENATORE Franceschini
VIRTUS BOLSENA Porta 6, Dinarelli 6.5, Guerrini 6.5, Scorzoso 6.5, Pellegrini 7, Cosimi 7, Pieri 6 (36' st Anada sv), Mei 7, Rovinetti 6, Celanti 6.5, Menci 6 (44' st Stoskovic sv) PANCHINA Tailli, Di Giacinto, Menghini, Ferri ALLENATORE Valentini ARBITRO Lemma di Frosinone, 6
ASSISTENTI Giallatini di Civitavecchia e Pediani di Civitavecchia
NOTE Allontanato al 38' st Franceschini (B) Ammoniti Dinarelli, Mei Angoli 11-1 Rec. 0' pt – 4' st.

La prima uscita casalinga lontana dal Trifoglio non porta bene alla capolista. All'Academy Sport Center in via di Settebagni è muro contro muro tra Boreale e Virtus Bolsena, che si risolve in uno 0-0 al termine di un match all'insegna della noia. La Boreale impattaL'impatto poco felice con il terreno di gioco sintetico non basta per giustificare la prestazione sotto tono degli uomini di Franceschini, capaci di inquadrare lo specchio della porta in una sola circostanza nell'arco dei 90'. Gli ospiti, invece, in porta non tirano mai, ma il punto guadagnato nella trasferta odierna vale quanto una vittoria.

Pronti via, è subito Virtus. Dopo 3'' dal calcio d'inizio, verticalizzazione direttamente dal cerchio di centrocampo a pescare Celanti, che spaventa Giorgi con un pallonetto mal calibrato. La gara promette bene, perché al 4' la Boreale accelera sull'asse Troccoli – Di Gennaro, con il bomber viola che si coordina dalla lunetta e prova a sorprendere sul palo lontano l'estremo difensore avversario, che fa buona guardia. Promesse disattese: quello del numero 10 in maglia bianca sarà l'unico tiro in porta della partita. L'ultima emozione del primo tempo è di marca locale, con il colpo da futsal di Groos che fischia al palo. Nella ripresa, incredibile ma vero, gli attaccanti delle due squadre riescono a fare peggio del primo tempo. Troccoli prova a dare vivacità ai suoi, ma impatta più di una volta contro il muro di maglie giallorosse. Di Gennaro e Groos, poco aiutati dal resto dellasquadra, sembrano due fantasmi; Filomena e Martino in cabina di regia non hanno idee. A fare bella figura, così, è la retroguardia di Valentini, che controlla le avanzate offensive della Boreale senza troppi affanni. Nel finale i viola reclamano per un tocco di mano di un difensore avversario in area. Poco dopo, Franceschini viene allontanato dal direttore di gara. Finisce a porte inviolate, con qualche scaramuccia dopo il triplice fischio. La capolista inciampa, la Virtus Bolsena esulta insieme alle inseguitrici.