Notizie

“Mythos”: le sculture di Giuseppe Conte al Museo diocesano di Gaeta

In un’antologia di ispirazione etrusca, l’artista propone un interessante percorso artistico che verrà ospitato nella città sudpontina fino al prossimo 28 giugno 2015.



Image titleDal 13 al 28 giugno 2015, presso il Museo dell’Arcidiocesi di Gaeta, si alzerà il sipario su un’inedita ed attesa full immersion nel mondo e nella cultura etrusca, grazie a “Mythos”, antologia di sculture di Giuseppe Conte, inaugurata sabato scorso e già divenuta catalizzatore di curiosi e numerosi appassionati visitatori. Con tale mostra, lo scultore intende mostrare a quanti si inoltreranno nel percorso espositivo, tutta la propria filosofia artistica, dove dal trespolo al forno, passando poi per la cottura e la luminazione, vengono create le immagini, successivamente portate a conclusione senza l’uso di altri additivi, seguendo la stessa tecnica che veniva utilizzata dal popolo etrusco nella creazione dei propri capolavori. Sicuramente un percorso che dimostra la poliedricità dell’Artista Conte, che vive in ad Ancona ed è diplomato presso l’Accademia delle Belle Arti dell’Aquila. Lo stesso excursus e le numerose committenze, pubbliche e private, soddisfatte dal Conte ne mostrano l’estremo eclettismo: esempi ne sono il trono presidenziale in marmo policromo per la chiesa Madre di Carpino oppure la fontana monumentale in marmo a Cagnano V., entrambi nel foggiano.  Sempre a Cagnano, Conte ha dimostrato eccellente capacità restaurando inoltre gli stucchi della Chiesa madre ed eseguendo l’intarsio del pavimento marmoreo. Prestigiose le sue partecipazioni alla biennale d’Arte moderna “Leonardo da Vinci” a Roma nel 2003, dove vince il premio della critica ed “Artefiera” di Parma nel 2007, al seguito della galleria e casa editrice “Alba”.