Notizie
Categorie: Giovanili - Juniores

Nella semifinale di ritorno l'undici di Bellinati è travolgente. Al Casarano non basta il gol di Prinari

I blaugrana volano alla finale nazionale dopo aver steso il Casarano con un netto 3-1. Di Amici e Cremolini le reti della Vigor Perconti



CASARANO - VIGOR PERCONTI    1-3

Image titleMARCATORI Prinari23'pt rig. (C), Amici 26'pt e 49'pt (V), Cremolini 48'pt (V)

CASARANO Reho, Marrocco, Castellano (1'st Miccoli), Curto,Ciurlia, Vetrugno, Prinari, Luperto, Alemanni (22'st Guida), Marzo(1'st Urso), De Pascalis PANCHINA De Donno, Pellegrino, Pariti ALLENATORE Vetrugno

VIGOR PERCONTI Pedulla, Falessi, Di Paolo, Luciani, Moro,Borgia, Amici, Di Bari (29'st Morgavi), Bonaventura (40'ptPatacchiola), Cestrone, Gabrieli (45'pt Cremolini) PANCHINAChettyiar, Mbengue, Iemma, Tabarini ALLENATORE Bellinati

ARBITRO Colombo di Como



La Vigor Perconti torna in finale dopo anni. La società di Colle Aniene è stata capace soltanto di vincere nelle tappe che l'hanno condotta passo dopo passo a Firenze, doveva affronterà la Piovesenell'ultimo atto del 2014. Un risultato ampiamente meritato, perchéla formazione di Bellinati (alla quarta finale Juniores personale, 2nel Lazio e 2 per lo scudetto, e alla sesta in carriera) ha dimostrato sempre di essere superiore agli avversari per gioco e anche per mentalità. Mercoledì l'ultima battaglia, con i blaugranache sperano di tornare in cima l'Italia. Nel match di Casarano i campioni regionali del Lazio sono scesi in campo con il vantaggio del2-0 maturato a Roma. Un risultato utile, ma non da permettere sonni propriamente tranquilli. La faccenda si complica un pochino a metàdel primo tempo, quando i pugliesi di Ventrugno passano in vantaggiograzie al calcio di rigore trasformato da Prinari. La paura dura peròsolamente tre minuti perché Amici trova un gol straordinario dallalunga distanza sparando col destro imparabilmente sotto la traversadella porta difesa da Reho. Il portiere pugliese è poi protagonistaindiretto del raddoppio blaugrana, che arriva al 3' di recupero dellaprima frazione. Calcola male i tempi su un retropassaggio di testa diun compagno di squadra e permette a Cremolini, a porta vuota, difissare il sorpasso. Cremolini che è il simbolo, anzi uno dei,agrodolce dei primi 45' dei romani. Il centrocampista è entratoinfatti al posto di Gabrieli (infortunato) così come era capitato aPatacchiola al 40' al posto di Bonaventura. Per lui un finale distagione davvero sfortunato visto lo stop in cui era occorso nellagara contro il Vasto Marina in casa durante i quarti. Il terzo gol,un minuto dopo il secondo, porta ancora la firma di Amici, un ragazzoche aveva subito un infortunio gravissimo ad inizio stagione e checon tenacia e tanta voglia di fare è tornato nel gruppo risultandoanche determinante. Insomma, una squadra che può vantare “prime”e “seconde” scelte da campionato nazionale. Una squadra che simuove come un corpo unico sotto i dettami del suo mentore, FrancescoBellinati. Mercoledì si deciderà una nuova pagina di storia, peradesso, applausi...