Notizie
Categorie:

Non solo Serie A: Brescia trionfa anche nelle giovanili

Le leoncine si impongono in finale contro la Grifo Perugia e alzano al cielo per la prima volta il trofeo. Decidono Piovani e Serturini



GRIFO PERUGIA-BRESCIA 0-2 

MARCATRICI 4'pt Piovani, 18'pt Serturini 

GRIFO PERUGIA Marroccoli; Ricci, Ciacci, Rosmini, Alessi; Timo (15'st Pellegrino), Giovanucci, Brozzetti; Narcisi (43'st Fortunati); Franciosa (38'st Piselli), Marinelli PANCHINA Brunelli Felicetti, Parlagreco, Accettoni, Bylykbashi ALLENATORE Rosi 

BRESCIA Meleddu; Inverardi (47'st Pedemonti), Zamarra, Contessi, Welbek Maseko; Nervi (21'st Sgarbi), Ghisi, Plebani (8'st Zanetti); Piovani (39'st Cacciamali), Martani (27'st Martino), Serturini PANCHINA Bettineschi ALLENATORE  

ARBITRO Zihadul Azam di Arco/Riva ASSISTENTI Gandolfo di Trento e Giannone di Arco/Riva

NOTE Ammonite Ghisi, Pellegrino


Le leoncine festeggianoRosi conferma tutta la squadra che ha giocato la semifinale tranne l'infortunata Bylykbashi che lascia il posto alla Ricci. Oro invece ne cambia quattro, dentro Meleddu, Inverardi, Piovani e Plebani, vanno in panchina Bettineschi, Zanetti, Cacciamali e Martino. Pronti via e leonesse vanno subito in vantaggio al 4' con la Piovani brava a risolvere una mischia nell'area piccola con un tocco di puro istinto. La partita è equilibrata, il Perugia prova a reagire ma non trova spazi tra le maglie della formazione bresciana. Al 18' altro episodio chiave, la Serturini ruba il tempo all'Alessi e in spaccata supera la Marroccoli. Un altro colpo ferale per le grifoncelle che in pratica hanno subito due tiri e altrettanti gol. Premiato il cinismo del Brescia. Al 31' le leoncine sfiorano il tris con un colpo di testa della Contessi che sfiora il palo. Più convinte le rondinelle quando arrivano dalle parti di Marroccoli, le umbre si perdono negli ultimi quindici metri. Al 35' si sveglia la Marinelli che salta la Welbek e mira sul secondo palo, la Meleddu devia in angolo con la punta dei guantoni. Prima vera occasione da gol per le grifoncelle. Il primo tempo si chiude praticamente qui. Serve una scossa alle perugine per riaprire la partita. Al 1' subito un'occasione colossale per il Perugia con Alessi che spunta dalla mischia sugli sviluppi di un calcio d'angolo e di testa colpisce bene la palla che si stampa sul primo palo. Altro segnale di risveglio per le ragazze di Rosi. Oro cambia e si copre dando più consistenza al centrocampo delle rondinelle. La squadra umbra prova a dare continuità al gioco ma il Brescia gestisce bene il possesso palla rischiando poco o nulla dietro. Continuano i cambi operati da Oro che attinge a piene mani dal proprio organico. Al 29' altra fiammata bresciana con la solita Serturini che da fuori area mira sotto la traversa, ottimo l'intervento della Marroccoli che devia sul fondo. La stanchezza si fa sentire ma solo tra le fila del Perugia, non cala l'agonismo del Brescia. Il tempo scorre senza troppi sussulti, dopo 4' di recupero l'arbitro fischia la fine dell'incontro, le leonesse con merito alzano per la prima volta nella storia il trofeo Arco di Trento - Beppe Viola.