Notizie
Categorie: Lega Pro - Nazionali

Nulla da fare per la Lupa Castelli, Casertana imbattibile

Grande match per i laziali, ma la squadra di casa è irraggiungibile



CASERTANA-LUPA CASTELLI ROMANI 3-1

MARCATORI Mancosu (C) al 30′ pt, Siclari (L) al 20′ st, De Angelis (C) al 24′ st, Alfageme (C) al 25′ st 

CASERTANA Gragnaniello, Rainone, Tito (30′ st Pezzella), Rajcic, Idda, D’Alterio, Mangiacasale (35′ st Finizio) Mancosu, Alfageme, Agyei (38′ st De Marco), De Angelis PANCHINA Maiellaro, Gala, Varsi, Kuseta, Capodaglio, Diakite, Negro, Ciotola, Guglielmo ALLENATORE Romaniello

LUPA CASTELLI Secco, Rosato, Carta, De Gol, Ferrari (dal 1′ st Mancini), Petta, Morbidelli, Strasser, Scardina (dal 38′ st Roberti), Volpe (38′ st Mastropietro), Siclari PANCHINA Tassi, Mazzei, Lucarini, Proietti, Aquaro, Kosovan, Moretti, Faraone ALLENATORE Cioci

ARBITRO Andreini di Forlì

ASSISTENTI Di Stefano di Brindisi, Viola di Bari

NOTE Ammoniti Rajcic, Agyei, Alfageme (C)

Nonostante una buona gara, la Lupa paga a caro prezzo cinque minuti di distrazione. Serviva la partita perfetta per fermare la Casertana, e alla Lupa sono stati fatali cinque minuti di distrazione per arrendersi alla capolista del girone C. Sotto di un gol nel primo tempo, nella ripresa la squadra amarantoceleste era riuscita a trovare il pari con Siclari, bravo a siglare il classico gol dell’ex. Poi, però, la Casertana ha saputo approfittare di una distrazione della Lupa, chiudendo poi la gara nel giro di pochi minuti.Per la gara contro la prima della classe Cioci mischia le carte e schiera un inedito 4-3-2-1, con Secco tra i pali, linea difensiva a quattro con Rosato a destra, Carta a sinistra, Petta e De Gol al centro. Centrocampo con Ferrari vertice basso, Strasser e Morbidelli, Volpe tra le linee, Siclari a supporto di Scardina in avanti.I primi minuti di gara scorrono senza grandi emozioni, con le due squadre condizionate da un forte vento e dal nubifragio che si abbatte sul Pinto. La prima vera occasione arriva al 17′, con De Angelis che non approfitta dell’errore in disimpegno di Rosato; al 20′ è Siclari a recuperare un bel pallone sulla sinistra, ma il suo cross viene intercettato dalla difesa avversaria. Al 27′ è Secco a rendersi protagonista in uscita su Mangiacasale lanciato a rete, ma la Casertana alza il baricentro e tre minuti più tardi arriva il gol di Mancosu a spezzare gli equilibri. Al 42′ la Lupa tenta la reazione, ma sul cross di Morbidelli dalla sinistra gli attaccanti amarantocelesti vengono anticipati dai difensori rossoblu. Il primo tempo si chiude così, con la Casertana in vantaggio per una rete a zero.Nella ripresa Cioci cambia subito qualcosa, mandando in campo Mancini al posto di Ferrari, ma è la Casertana a rendersi pericolosa in un paio di occasioni dalle parti di Secco, che si fa però trovare attento e vigile. La Lupa prova a giocare e trova il pari: Siclari di testa è bravo ad insaccare alle spalle di Gragnaniello, trovando il primo gol stagionale, ma la gioia del pareggio dura solo qualche minuto. Sugli sviluppi di una rimessa laterale della Casertana, De Gol va in copertura sul palo ma si fa anticipare da Mangiacasale, che mette in mezzo e trova De Angelis ben appostato e pronto a siglare il 2-1. Un minuto più tardi la Casertana passa ancora e mette la parola fine sul match: il 3-1 porta la firma di Alfageme, ben imbeccato da centrocampo, che con un gran tiro da fuori insacca la palla tra palo e portiere. La Lupa fa quel che può ma la Casertana amministra senza grossi problemi. Cioci manda in campo Roberti e Mastropietro, ed è proprio quest’ultimo a creare una buona occasione proprio allo scadere, trovando però sulla sua strada il portiere avversario. La gara finisce così, con gli applausi del Pinto per una Casertana sempre più prima in classifica e per una Lupa che, nonostante il divario in classifica, ha dimostrato di voler giocare a viso aperto contro la capolista.

Cronaca completa, tabellino ed approfondimenti sul nostro giornale in edicola da lunedì mattina per tutta la settimana o consultabile online sul nostro sito a partire dalla mezzanotte di domenica.