Notizie
Categorie: Dilettanti - Promozione

Nulla di fatto fra Suio e Lepanto, è 0-0 a Coreno Ausonio

Le formazioni di Quintigliano e Leone si giocheranno il passaggio del turno nel match di ritorno



SUIO - LEPANTO 0 - 0 

SUIO Falso, D’Alessandro, De Vincenzo, Marotta, G. Iandico, Russo, Vitale, Paduano, Sportiello, Ruberto PANCHINA Lumardo, Grasso, Ch. Quintigliano, Merola, Tartaglia, Ciorra, A. Iandico ALLENATORE Ca. Quintigliano  

LEPANTO Brugnettini, Magi, Mercuri (30’st Moretti), Verdini, Testa (20’st Vartolo), Marongiu, Davato, De Gennaro, Pompili, Capolei (38’st Casu), Aquino PANCHINA Troiani, Trinca, Maiolini, Muccini ALLENATORE Leone 

ARBITRO Tartarone di Frosinone 

ASSISTENTI Carilli di Latina, Di Maola di Cassino 

NOTE Espulso De Vincenzo (S) al 43’st  

Reti inviolate tra Suio e Lepanto
Termina con un pareggio a reti inviolate il match tra Suio e Lepanto Marino, valido per l’andata degli ottavi di finale di Coppa Italia. Un risultato nel complesso giusto per quello che si è visto in campo, con le due squadre che si sono equivalse. Un pareggio che permetterà alla Lepanto di Leone di giocarsi tutto nella gara di ritorno, contro una squadra, il Suio, che in questa Coppa Italia ha eliminato l’Unipomezia. Nella prima frazione di gioco la migliore occasione capita alla compagine ospite: De Gennaro serve con i tempi giusti Davato che con il sinistro incrocia sul secondo palo, palla che però termina di poco sul fondo. La risposta del Suio arriva con un colpo di testa di Giuseppe Iandico che però non riesce ad insaccare in rete. Nella ripresa la gara si fa molto combattuta ed equilibrata, con le occasioni che stentano ad arrivare. Nel finale i ciociari rimangono in dieci per l’espulsione di De Vincenzo e la Lepanto prova a passare con una potente conclusione di Casu che però il portiere di casa è bravo a respingere. Termina così il match, con uno 0-0 che rimanda il discorso qualificazione al 23 dicembre, quando le due squadre si affronteranno al Fiore di Marino.