Notizie

Nuova giunta per Ignazio Marino che riparte da quattro

Nella terza squadra dalle elezioni, entrano Causi, Rossi Doria, Esposito, Di Liegro. Intanto Renzi manca l'appuntamento alla Festa dell'Unità e i rapporti con il Sindaco si complicano



Seguita, voluta, sostenuta, la nuova giunta di Ignazio Marino - la terza dall'avvio del governo del medico Dem - ha finalmente un volto: meglio, quattro volti nuovi che portano i nomi di Marco Causi come Vicesindaco, Stefano Esposito ai Trasporti, Marco Rossi Doria alla Scuola e Luigina Di Liegro al Turismo. Soddisfatto il Sindaco che nella conferenza stampa di presentazione ha ribadito come "queste persone sono state tutte scelte dal sindaco" con un rimando ad una presa di posizione e di assunzione di responsabilità che sottolinea ancora una volta come oramai si sia arrivati ad un redde rationem non più rimandabile in casa Partito Democratico. La nuova giunta comunale

La spaccatura interna al partito. Perchè se è vero che Marino ha ribadito come "Renzi ha ragione nell'affermare che un'amministrazione deve essere valutata per ciò che ha fatto e ciò che fa", è anche vero che i rapporti fra i due si siano interrotti in maniera apparentemente insanabile. Via gli uomini della corrente renziana - Improta e Scozzese - Marino risponde con i nuovi assessori, in maniera semplice, ma nel pieno stile comunicativo del Sindaco ad un Renzi che atteso oggi alla Festa dell'Unità ha invece anticipato i tempi del suo saluto alla serata di ieri. Certo, "gli altri impegni" sono sulla carta il motivo del differimento, ma all'interno del Campidoglio lo sgarbo di Renzi - che sarebbe stato ospite sul palco estivo del Pd insieme al Sindaco dando riflesso all'intervento del Primo Cittadino - non è passato inosservato, marcando ancora maggiormente quella frattura che rischia di complicare anche l'afflusso di fondi per una città che dovrà aprire e porte ai crica 33 milioni di pellegrini attesi per il Giubileo. Senza aggiungere all'operazione "costi", i numerosi problemi che si inseriscono nel bilancio cittadino alla voce Atac e pulizia. Insomma se per Renzi "spetta a Marino andare avanti nella gestione della città", appare oramai chiaro come lo stesso Marino debba far conto solo sulle sue forze per arrivare a fine mandato.

I confermati in Giunta. Tornando alla squadra capitolina, sono state confermate le posizioni dell'Assessore alla Trasparenza Alfonso Sabella - uomo forte e di immagine di Marino - l'Assessore all'Ambiente Estella Marino, l'Assessore alla Trasformazione Urbana Giovanni Caudo, l'Assessore alla Cultura Giovanna Marinelli, l'Assessore alle Pari Opportunità Alessandra Cattoi, l'Assessore al Commercio Marta Leonori, l'Assessore agli Affari Sociali Francesca Danese,  l'Assessore ai Lavori Pubblici Maurizio Pucci.