Notizie
Categorie: Giovanili - Juniores

Nuova Tor Tre Teste scatenata: i rossoblu conquistano il trofeo rifilando un netto 3-1 al Montespaccato

Nessuna chance per la formazione di Ciambella a cui non basta il gol di Tariuk per rispondere alla marcatura di Gori e alla doppietta di Lo Russo



MARCATORI Gori26'pt (T), Lo Russo 40'pt e 25'st (T), Tariuk 9'st (M)

MONTESPACCATO Alev 7, Cestie 6.5, Aragosa 6.5, Nelson 6.5, Fusacchi 6.5 (33'st DiClemente 6), Tariuk 7.5 (36'st Mariotti sv), Valencia 6.5, Tajarol6.5 (1'st Pacillo 6.5), Ballisai 7.5 (1'st Pieroni 6.5), Marchionne 7(33'st Margiotti 6.5), Nicolai 6.5 PANCHINA Zannoni,Beretti ALLENATORE Ciambella

TOR TRE TESTE Calvarese 7, Vendetti 6.5, Gallo 6.5, Palmieri 6.5, Mele 6.5, Cederico 6.5, DeDominicis 7 (11'st Montaldi 7), Puca 7, Gori 7.5 (41'st Terzi sv),Riccucci 6.5 (17'st Tafuro 6.5), Lo Russo 8 (46'st Fogli sv) PANCHINA Santesarti, Tiraferri ALLENATORE Fabi

ARBITRO Nanadi Aprilia, voto 7

ASSISTENTI Baronedi Roma 1, Ferrari di Aprilia

NOTE Espulso al26'st Cestie (M) per doppia ammonizione. Ammoniti Fusacchi,Pieroni, Pacillo. Angoli 5-6. Rec. 3'pt - 3'st.


La Nuova Tor Tre Teste si gode la vittoriaIl Tor Tre Teste si aggiudica il trofeo Tortora al termine della gara emozionante e spettacolare del "DLF" di Civitavecchia. Molto bene il team di Fabi, come del resto l'avversario, punito da un risultato forse eccessivo.


Primo tempo Niente convenevoli, il match entra subito nel vivo. Al 4' Ballisai scalda i guantoni di Calvarese, spizzando di testa sul secondo palo il crossdi Marchionne. Un minuto dopo la replica avversaria passa per il mancino di Puca, che dal limite prova a impensierire Alev. Il Tor TreTeste cresce, e il Montespaccato deve affidarsi alla difesa e stringere i denti in attesa di qualche spunto. Si gioca su ritmi serrati, continui i cambi di fronte. Al 26' i capitolini di Fabi bucano la diga avversaria con l'ennesimo contropiede, stavolta innescato da Puca; questi serve Gori che supera l'ultimo difensore etira a incrociare: 0-1. La reazione del Montespaccato è veemente. La squadra tira fuori determinazione e velocità. Ma il Tor Tre Teste sa che deve chiudere la gara. Al 38' un grandissimo Alev si oppone al mancino di prima di De Dominicis. Deve arrendersi due minuti dopo però quando, ancora in contropiede, Lo Russo si lancia nella prateria e parcheggia a rete lo 0-2. "È una partita difficile,tattica. Il gran caldo non ci aiuta" afferma Tariuk a fine frazione, esausto dopo 45' ad alti livelli. Ciambella striglia i suoi negli spogliatoi. Il tecnico deve correre ai ripari per l'uscita di Ballisai, tra i migliori in campo, a causa di un problema al ginocchio.


Secondo tempo La partenza del Tor Tre Teste è una fiammata che quasi frutta lo 0-3 al team di Fabi. Gli avversari rispondono con Pieroni, ma Calvarese c'è. Al 9' un'interessante punizione dalla trequarti defilata per il Montespaccato si dipana in uno schema che ha per terminale Tariuk, il quale, di destro a incrociare, realizza l'1-2. Il gol dà fiducia al team di Ciambella, che riesce a sopperire all'assenza di Ballisai concoralità e costruzione di gioco, a fronte di un Tor Tre Teste un po' in calo. Il pareggio tuttavia non arriva anzi, al 26', il Tor TreTeste chiude i giochi con la punizione dal vertice di Federico, che scorre indisturbata fino al secondo palo dove Lo Russo devia in gol. Saltano gli schemi, e i nervi, ma il polso del signor Nene di Aprilia consente al match di planare senza eccessivi scossoni verso iltriplice fischio.


Impressioni a caldo Visibilmente emozionato Fabi: "Sono dei ragazzi fantastici. Meritano questo trofeo" afferma a fine gara il tecnico, e aggiunge: "La chiave della partita? La velocità - due gol su tre in contropiede ndr - Quanto al Montespaccato è un avversario di livello che incute rispetto: siamo stati abili a sfruttarne alcune disattenzioni". Un'analisi sovrapponibile nella sostanza a quella del collega Ciambella che, deluso per la sconfitta ma orgoglioso per la prova dei suoi, ammette: "In occasione del raddoppio ho sbagliato a scoprirmi, ma il pari era alla portata e col senno di poi non ha senso fissarsi sui 'se'".