Notizie

Oriolo Romano celebra il fungo porcino

Al via domani l’undicesima edizione della rinomata Sagra gastronomica



Image titleLe bancarelle sono pronte, l’aria di festa incalza sempre di più e pur correndo il rischio di dover fare i conti con un’estate metereologicamente strana, per non dire capricciosa, Oriolo Romano non rinuncia alla sua Sagra più famosa e rinvia tutti alle giornate comprese tra il 12 ed il 14, il 19 ed il 21 settembre 2014: il protagonista ovviamente è lui, il fungo porcino, per l’undicesima volta. Ricchissimo il menu che i numerosi turisti troveranno, raggiungendo Piazza Umberto I. All’interno di uno scenario incantevole sarà possibile degustare di tutto: dalle bruschette alle fettuccine, dalle lasagne alle zuppe, dagli spezzatini a varia carne alla brace fino al pane... tutto sarà una buona scusante per assaggiare, in ogni salsa possibile ed immeginabile, i funghi porcini che faranno ora ingredienti principali, ora da succulento contorno. Per chi vorrà appagare anche l’occhio oltre allo stomaco, l’occasione sarà ghiotta per fare un giro nel magnifico centro storico dove, tra Piazza Principe Amedeo e Via Vittorio Emanuele III, si snoderà un interessante mercatino. Ogni sabato, gustando in tutta calma la mitezza di un borgo che sembra quasi rimasto alla metà del cinquecento – epoca in cui esso quando conobbe il suo primo sviluppo urbanistico - si accompagnerà pure l’esibizione di artisti di strada, mentre nelle giornate del 20-21 settembre sono previste visite guidate a Palazzo Altieri, gioiello e vanto del piccolo centro, mentre per i bambini durante le due domeniche sarà previsto un Ludobus. Interessante anche il programma musicale che è stato preparato e che vedrà balli in piazza nella serata del 19 settembre mentre sul palco sarà tutto un susseguirsi di numerose cover band di artisti famosi (Ligabue, Renato Zero, Lucio Battisti ecc.). Insomma, ci sono tutti gli ingredienti per trascorrere due piacevoli fine settimana in uno dei posti più ameni dell’intera regione Lazio, a contatto con natura, sana cucina locale, cultura e divertimento.