Notizie

Ostia: sequestrato il porto turistico, arrestato Balini

All'alba di stamane il comando provinciale della Guardia di Finanza capitolina mette i sigilli alla struttura mentre finiscono in manette il Presidente e altre tre persone



Associazione a delinquere e bancarotta fraudolenta. Queste le accuse che il comando provinciale della Guardia di Finanza capitolina haimputato a Mauro Balini presidente del porto turistico di Ostia che, a seguito di un'indagine coordinata dal procuratore aggiunto Nello Rossi, è stato arrestato all'alba di oggi. Arresto al quale ha fatto inevitabilmente seguito l'apposizione dei sigilli dello stessa struttura turistica, messa sotto sequestro insieme all'intera area portuale. Il porto però, secondo quanto dichiarato dal procuratore Rossi in conferenza stampa, continuerà a funzionare attraverso l'operato di due amministratori nominati dal giudice che dovranno garantire il prosieguo delle attività commerciali presenti nella struttura. Porto Turistico di Ostia  ©lanotiziagiornale.itPiù complessa invece la situazione giudiziaria di Balini. Da quanto emerso sembra che il Presidente avesse collegamenti con al mafia del luogo. Viene a galla che Balini fosse il gestore di attività economico- finanziarie apparentemente legali, dietro le quali ci sarebbero strutture criminali impiantate proprio a Ostia. Il nome di Balini infatti, non è nuovo agli inquirenti. Già due anni fa, in merito all'inchiesta "Nuova Alba" il suo nome finì agli atti con l'evidente collusione dello stesso con le organizzazioni criminali disseppellite proprio da quelle indagini. Oggi l'arresto di Balini arriva anche per bancarotta fraudolenta in merito allo scioglimento dell'Ati. Si tratta di una società che Balini aveva gestito fino al 2012, anno precedente all'acquisizione del porto turistico di Roma. Nonostante la bancarotta, sotto l'amministrazione Alemanno, la società concessionaria ottenne le autorizzazioni necessarie per l'ampliamento di posti barca e punti di ormeggio per imbarcazioni da diporto. Insieme a Balini sono state arrestate altre persone con le diverse accuse che vanno dall'associazione a delinquere al riciclaggio di denaro e beni di provenienza illecita.