Notizie
Categorie: Giovanili - Allievi

Ostiamare, contro la Romulea il rigore di Proietti vale vittoria e terzo posto

I biancoviola vincono di misura e, in classifica, agganciano proprio gli amaranto oro a quota diciotto



9a Giornata - 16 nov 2014
1 - 0

MARCATORE 13'pt Proietti (OM) rig.
OSTIAMARE Micucci, Lamarte (25'st Vincenzini), Melucci, Antonacci, Treccarichi, Muzi, Calveri (30'st Gaggini), Paternoster (38'st Sargolini), Ferrari (40'st Bove), Spanò (15'st Di Maio), Proietti (20'st Amico) PANCHINA Fedele ALLENATORE Patanella
ROMULEA Terenzi, Moisa, Azawi (21'pt Rasi), Baldazzi, Morpurgo, Peluso, Galuppi, Chiapparrone, Rossi (1'st Belli), Basile (1'st Sperandio), Donat PANCHINA Bartolelli, Merolli, Grassi, Ciccarelli ALLENATORE Catini
ARBITRO Francalancia di Aprilia
NOTE Ammoniti Lamarte, Ferrari, Proietti, Azawi, Peluso, Sperandio Ang. 6-3 Rec. 0'pt - 3'st

Con la vittoria di oggi i biancoviola approdano in terza posizionel rigore di Proeitti basta e avanza all'Ostiamare per piegare la Romulea e agganciare proprio gli amaranto oro al terzo posto. Il match nel complesso, si infiamma solamente a tratti. Dopo il vantaggio infatti i padroni di casa si limitano a controllare, senza strafare, degli ospiti che hanno la colpa di non essere mai riusciti a cambiare ritmo alla gara.

Subito Ostiamare. La partita comincia subito a regalare emozioni. L'Ostiamare parte forte facendo subito capire di voler centrare l'aggancio in classifica. Dopo nemmeno un quarto d'ora sarà così Spanò a seminare il panico sulla destra e, dopo esser uscito da un fazzoletto di campo all'altezza del  calcio d'angolo con un gioco di prestigio, entra in area e viene fermato con le cattive da un Azawi parso oggi decisamente sottotono. L'arbitro assegna così il penalty che Proietti trasforma insaccando all'angolino basso alla sinistra di Terenzi.

Ritmo. Nonostante lo svantaggio la Romulea non riesce ad imprimere al match una decisa svolta. Troppo lenta e prevedibile la manovra amaranto oro che infatti faticherà non poco a far breccia nell'organizzata difesa dei padroni di casa. Nel secondo tempo la musica non cambierà con i ragazzi di Catini capaci di dar noia ai biancoviola solamente attraverso un paio di punizioni.

Pochi acuti. Il secondo tempo vedrà i biancoviola controllare senza particolari problemi l'andamento del match. Tant'è che saranno proprio i padroni di casa a sfiorare in un paio di occasioni la rete del raddoppio. Dopo una manciata di minuti dal rientro in campo sarà infatti Proietti ad imbucare dal limite dell'area Spanò ma la risposta di Terenzi sarà superba con l'estremo difensore che si rifugerà in angolo. Tre minuti più tardi sarà ancora l'Ostiamare ad affacciarsi in area della Romulea con una bella ripartenza grazie alla quale Melucci, sulla corsia mancina, arriva al cross dal fondo. In mezzo però Paternoster anticipa il tempo dello stacco e di testa non trova la coordinazione giusta per centrare il bersaglio. Da qui in avanti succede poco o nulla con il match che si chiuderà con la punizione velenosa di Donat che si spegnerà tra le braccia di Micucci con i biancoviola che festeggiano così, in un colpo solo, vittoria e aggancio al terzo posto.