Notizie
Categorie: Dilettanti - Serie D

Ostiamare da applausi: l'undici di Chiappara rifila sei gol all'Anziolavinio

Buio pesto in casa portodanzese che cade sotto i colpi di uno straripante Massella, autore di una tripletta contro i suoi ex compagni



OSTIAMARE – ANZIOLAVINIO 6-2
MARCATORI 3'pt Massella (O), 20'pt Alfonsi (A), 21'pt Massella (O), 41'pt Fanasca (O), 45'pt Massella (O), 5'st Palazzini (O), 41'st Piro (O), 49' Billi (A)
OSTIAMARE Ludovici, Cesaretti, Angeletti, De Nicolò, Costantini (28'st Rossi), Piroli, Piro, D'Astolfo, Massella, Fanasca (10'st Trippa), Palazzini  (21'st Sargolini) PANCHINA Quattrotto, Martinelli, Trippa, Biagiotti, Maestrelli, Breda, Sargolini, Ferri, Rossi ALLENATORE Chiappara
ANZIOLAVINIO Rizzaro, Ugolini, Succi, Nanni, Padovani (1'st Tomei), Fioravanti, Buonocore (1'st Drago), Guida, Di Dioniso, Alfonsi, Lauri (10'st Billi) PANCHINA Galassi, Billi, Drago, Franci, Metta, Scippa, Sesay, Tomei, Zigulich ALLENATORE Alvardi
ARBITRO Palermo di Bari Ass. Notarangelo di Cassino e Avellani di L'Aquila
NOTE Ammoniti Guida, Fanasca, Buonocore, Succi, Rizzaro, Nanni Ang. 3-3 Rec. 1'pt- 4'st

Tutto facile, anche troppo, per l'Ostiamare. L'undici di Chiappara fa un sol boccone del povero Anziolavinio che non accenna a dare segni di miglioramento in questo disastroso avvio di stagione. Ad Alvardi non resta così che consolarsi con il solo Alfonsi, unica scintilla di luce nell'oscurità in cui è avvolto l'undici portodanzese. Applausi a scena aperta invece per i biancoviola che, oltre agli acuti di alcuni singoli come Massella, Fanasca e Angeletti, mostrano un gioco frizzante e sempre propositivo che di fatto potrebbe aprire le porte a scenari decisamente esaltati per Chiappara e i suoi.

Tutto facile. L'Ostiamare che riesce a sbloccare il match già al terzo grazie ad un guizzo di uno che ad Anzio e dintorni conoscono bene. Sarà infatti Massella a resistere al ritorno di Ugolini per poi scavalcare Rizzaro. I padroni di casa si dimostrano decisamente più efficaci in questo avvio di match tanto che al quindicesimo sfioreranno il raddoppio ancora grazie a Massella che è bravo a raccogliere in area una punizione dalla trequarti di Angeletti ma stavolta la sua deviazione non centrerà il bersaglio. 

Promessa mantenuta. Era sicuramente il più atteso e, come al solito, Alfonsi non ha certo deluso le aspettative. La forma non era delle migliori, e si è visto, ma la qualità è rimasta intatta. L'uomo chiamato a risollevare le sorti di quest'Anziolavinio riesce così a timbrare il classico gol dell'ex dopo una ventina di minuti quando prima si guadagna e poi trasforma una punizione dai venticinque metri che non lascia scampo a Ludovici.

Massella cala il tris contro i suoi ex compagni dell'AnziolavinioMassella non perdona. Il pareggio fa sperare Alvardi e i suoi. Sogni destinati però a svanire grazie alla prestazione di quello che sicuramente è stato l'uomo partita di oggi. La copertina andrà infatti a quello che assieme ad Alfonsi è un altro ex. L'Ostiamare riesce infatti a rimettere subito la gara in discesa proprio con Massella che, dopo sessanta secondi, centra la sua personale doppietta raccogliendo un bel cross dalla sinistra. Il secondo gol frantumerà definitivamente le resistenze dell'Anziolavinio che, d'ora in poi, sparirà letteralmente dal campo. Ad una manciata di minuti dalla chiusura del primo tempo Fanasca riuscirà a mettere in ghiaccio la partita incornando il perfetto cross dal fondo del mancino Angeletti. Da qui in avanti sarà un assolo biancoviola che, prima dell'intervallo, centreranno addirittura il 4-1 ancora con Massella che sigla la sua personale tripletta contro i suoi ex compagni.

Buio pesto. Nella ripresa la musica non cambierà con l'Anziolavinio ormai in completa balia degli avversari. Ad aprire la ripresa sarà così una perla di Palazzini dopo cinque minuti che beffa Rizzaro con un magnifico pallonetto dai trenta metri. La ripresa scorre senza particolari sussulti visto il risultato. Nel finale Piro con un potente destro ad incrociare porterà il parziale addirittura sul 6-1 in favore dei suoi prima che una caparbia incursione di Billi in pieno recupero fissi il risultato sul 6-2 finale. Ennesima, e soprattutto pesante, sconfitta per l'Anziolavinio che continua così a brancolare nel buio più totale. Il campionato è solo all'inizio ma, con simili risultati, che sia già arrivato il tempo di uno scossone in casa portodanzese?