Notizie
Categorie: Dilettanti - Serie D

Ostiamare, tutto in due minuti: il Palestrina crolla all'Anco Marzio

In Via Amenduni, i ragazzi di Chiappara ottengono i tre punti con le firme di Massella e Macciocca



18a Giornata
2 - 0

MARCATORI Massella 38’pt, Macciocca 39’st
OSTIAMARE Saccucci 6.5, Martinelli 6.5, Angeletti 6.5, De Nicolo’ 6, Costantini 6.5, Piroli 6, Piro 7 (41’st Matarazzo sv), Biagiotti 6 (32’st Palazzini 6), Massella 7, Macciocca 6.5 (30’st D’Astolfo 5.5), Maestrelli 6 PANCHINA Travaglini, Giorgini, Ferri, Trippa, Sargolini, Rossi ALLENATORE Chiappara
PALESTRINA Palombo 6.5, Capuano 5.5, Rossi 5.5, Paz 5.5, Mucciarelli 5.5 (23’st Tuninetti 5.5), Pralini 6, Pavic 5.5, S. Ceccarelli 6.5, F. Ceccarelli 5, Bezziccheri 6.5 (18’st Bosi 6), Neccia 5 (30’st Della Penna 6) PANCHINA Refice, De Vecchis, Cangiano, Tajani, Ruggiero, Mattogno ALLENATORE Cangiano
ARBITRO Santoro di Messina
ASSISTENTI Alessi di Teramo, Ciancaglini di Vasto
NOTE Ammoniti Martinelli, Costantini, Massella, Tuninetti Angoli 4-6. Rec. 1’pt – 3’st      

Uno-due terrificante e l’Ostiamare va. All’Anco Marzio di Via Amenduni, l’undici di Chiappara si libera del Palestrina per 2-0 e porta a casa i tre punti del recupero di campionato della prima giornata di ritorno. Un successo ottenuto al termine di una partita non proprio entusiasmante in termini di occasioni, ma che i lidensi hanno risolto in meno di due minuti con le reti di Massella e Macciocca che di fatto hanno steso il Palestrina: nel secondo tempo gli arancioverdi, nonostante una buona reazione iniziale, non sono riusciti ad equilibrare la gara e adesso la classifica inizia davvero a far paura.  

Bomber Massella ©ostiamare.itPrimo tempo. Dopo il fischio iniziale del sig. Santoro di Messina comincia la partita e la prima occasione da gol è di marca biancoviola: bel cross dalla destra di Piro, a centroarea Macciocca prova a girare di testa, sfera alta di poco. I minuti scorrono, l’Ostiamare fa un buon possesso palla, ma la difesa ospite e ben piazzata e di varchi neanche l’ombra. Ai ragazzi di Chiappara non resta che affidarsi ai calci piazzati: al 25’ Piro pennella sul secondo palo per la corrente Angeletti. Il numero tre di casa non ci pensa due volte e fa partire un siluro al volo con la sfera che si perde alta sopra la traversa. Passata la paura, il Palestrina prova a farsi vedere in avanti al 32’ con un buon colpo di testa Neccia su suggerimento di Simone Ceccarelli, Saccucci è attento e blocca in tuffo. Insomma, la partita non sembra volersi sbloccare, ma all’improvviso arriva la doppia fiammata biancoiola: al 38’, lancio in profondità di Maestrelli da centrocampo, Piro allunga la traiettoria verso Massella che neanche a dirlo fa patire una bordata potentissima sul quale Palombo non può nulla e 1-0. Il Palestrina accusa il colpo e pochissimi secondi dopo subisce il raddoppio da parte di Macciocca, che ringrazia Piro per lo splendido assist dalla destra e insacca in tap-in per il 2-0 che chiude il primo tempo.  

Ripresa. Nella seconda frazione di gioco ci aspettavamo la reazione del Palestrina e non rimarremo delusi: dopo appena un minuto è Bezziccheri a sfiorare il gol con un bel destro giro dal limite, ma splendida la parata di Saccucci che in allungo con la punta delle dita dice no. Passano circa dieci giri di orologio ed è ancora la compagine di Cangiano pericolosa con la punizione di Bezziccheri dalla destra che colpisce il palo (in modo un po’ casuale a dire il vero) facendo scorrere un brivido dietro la schiena del portiere di casa. Adesso in effetti l’Ostia sembra un po’ stanca e il Palestrina prova ad approfittarne al 14’: punizione di Simone Ceccarelli, sul secondo palo sbuca Marco Rossi ma sbaglia completamente il piattone per quella che sarà l’ultima occasione ospite. Negli ultimi venticinque minuti di gioco, infatti, i lidensi torneranno a prendere in mano le operazione e a parte un tiro respinto di Biagiotti al 24’ e una bella conclusione a giro del neo entrato Palazzini (parata ancora da Palombo) , non assisteremo ad ulteriori emozioni: dopo tre minuti di recupero l’arbitro manda tutti sotto la doccia e l’undici di mister Roberto Chiappara può finalmente esultare.