Notizie
Categorie: Calcio a 5

Pacheco da urlo! La Lazio agguanta l'Asti a 35'' dalla fine

I biancocelesti di mister Mannino strappano un punto contro i più quotati piemontesi a pochi secondi dalla sirena



LAZIO-ASTI 1-1 

MARCATORI 8’44’’ s.t. Crema (A), 19’25’’ Pol Pacheco (L)  

LAZIO Leofreddi, Gioia, Cittadini, Escosteguy, Rocha, Scalambretti, Vavà, Fortini, Pol Pacheco, Perri, Juninho, Schirone ALLENATORE Mannino 

ASTI Casalone, Torras, Follador, Duarte, De Oliveira, Romano, De Luca, Zanella, Bertoni, Crema, Nora, Zanchetta. ALLENATORE Cafù 


PachecoUna Lazio in versione super gioca alla grande con il più che quotato Asti e strappa un punto che fa classifica e morale al termine della quinta giornata di campionato. I biancocelesti giocano alla pari, subiscono il vantaggio di Crema, ma riacciuffano in extremis l’incontro grazie al gol di furbizia di Pol Pacheco.  Primo tempo. Quella della Lazio non è una gara di sola difesa, anzi, più volte i biancocelesti si rendono pericolosi dalle parti di Casalone. Cittadini è il più brillante e Pacheco, finalmente in buone condizioni fisiche, crea non pochi grattacapi a Torras e compagni. In un primo tempo segnato dalla grande intensità e dal grande equilibrio, due chiare occasioni da gol, una per parte: la prima capita sui piedi di De Luca, che da due passi calcia alto sopra la traversa, la seconda è un tiro libero di Gioia e neutralizzato da Casalone.  Secondo tempo. La ripresa fila via sulla falsa riga del primo tempo. Ma dopo una gran parata di Leofreddi su Zanella, è Crema, dimenticato sul secondo palo e pescato alla grande da Torras, a fare 1-0 all’ottavo minuto. Sotto di un gol la Lazio prova a rispondere, ma è meno lucida rispetto alla prima frazione di gioco. È infatti l’Asti a sfiorare il raddoppio a sei dalla fine: Crema si presenta solo davanti a Leofreddi calcia e colpisce il palo, sulla rigiocata tocco sotto di De Oliveira e traversa. La Lazio si salva e a 4’ dalla fine Mannino prova il portiere di movimento. Non succede nulla di rilevante, anzi, i biancocelesti sembrano appannati, quasi rassegnati. Ma accade l’incredibile. Pacheco sbaglia la rimessa, controfallo e palla all’Asti che gioca all’indietro da Casalone, sui cui si avventa in pressione lo stesso Pacheco che, impattando il rilancio, beffa il portiere ospite: a 35’’ dalla fine matura il più incredibile degli 1-1. Cafù inserisce subito il portiere di movimento, Nora cicca un tiro da due passi e dulcis in fundo suona la sirena. Lazio-Asti finisce 1-1: un punto prezioso e incredibile per la squadra capitolina.