Notizie
Categorie: Calcio a 5 - C/5 Regionali

Palaolimpic, pari la sfida con la Legio. Giuliani: “Grande prestazione”

Termina in parità il derby di Colleferro. Il tecnico: "Abbiamo dato un forte segnale al campionato"



Image titleUn derby non è come una semplice partita, è il perfetto mix di entusiasmo, coraggio e tensione che questo straordinario sport ci offre. Ieri, il Palaolimpic c4 ha messo in mostra tutte le sue qualità, nonostante una rosa dimezzata dai numerosi infortuni. Non era sicuramente facile, sopratutto se davanti hai una squadra che vanta una discreta esperienza nel campionato di Serie D. Tante le polemiche che hanno accompagnato il match: dalla storia del rinvio della partita , alle strette di mano rifiutate passando per le discussioni sulle distinte dei giocatori. Ma si sa, un derby è sempre un derby. “Non abbiamo paura, affrontiamo questa partita a viso aperto”, ha dichiarato Giuliani poche settimane prima del match. E cosi è stato.


La gara. Scelte obbligate per il mister del c4 che schiera un quintetto pesante composto da: Latini, Falconi con una vistosa fasciatura, Lorenzi e Cristofari. Quest'ultimo nonostante si sia da poco accasato nella banda Palaolimpic dimostra di avere l'esperienza di un veterano. Primo tempo equilibrato volto allo studio delle squadre. La carica la suonano gli ospiti grazie a capitan Lorenzi che batte una rimessa laterale verso un non brillante portiere avversario e segna. 1 a 0. La Legio prova a reagire ma deve fare i conti con un super Stefano Latini in giornata di grazia. Tante le occasione per il Palaolimpic che però non ha saputo sfruttare, complice anche la poca lucidità e la grande emozione di giocare davanti a più di 100 persone. Verso la fine del primo tempo e a 5 falli subiti la squadra di casa si procura un dubbio tiro libero che trasforma in rete. 1 a 1 e squadre negli spogliatoi.


Secondo tempo. Grazie alle parole di Mister Giuliani, il c4 non cala di intensità, macina gioco e crea occasioni su occasioni, mettendo sempre più frequentemente l’uomo solo davanti all'estremo difensore avversario. La mentalità a volte può essere il fattore chiave all'interno di una squadra e il Palaolimpic ne ha dato piena dimostrazione. Uniti a difendere il risultato. La squadra di casa prova a uscirne e in diverse fasi di gioco sfiora il gol, ma niente da fare. Gli ospiti chiudono i battenti e fissano il risultato sull' 1 a 1. Tanti gli applausi dagli spalti.


Il commento. Una cosa è certa: il Palaolimpic è riuscito a fare un grande salto di qualità. I dubbi che attanagliavano la squadra da inizio campionato sono spariti. La voglia di vincere ma sopratutto l'unione del gruppo sta dimostrando che il c4 può giocarsela con chiunque. Il massimo artefice è sicuramente Aldo Giuliani che a fine partita dichiara -”Venire qui e guadagnare un punto non era facile. Questa sera ho visto una grande prestazione da parte di tutta la squadra, eravamo contati e questo non agevolava le cose. Tutti ci davano per spacciati ma li abbiamo fatti ricredere. Abbiamo dato un forte segnale al campionato. Questa vittoria la dedico a chi ci ha criticato e continua a criticarci e a chi, prima di questo match, già si reputava vincitore”-. Questa partita non ha portava in sé un messaggio intrinseco volto a tutto il girone: il Palaolimpic è pronta a vender cara la pelle.