Notizie

Palazzo Spada: lunedi sarà apertura straordinaria per il piano nobile e le adiacenze

Nel pomeriggio del prossimo 12 ottobre un percorso di visita coinvolgerà turisti e curiosi attraverso gli interni della storica dimora capitolina, il giardino e le aree recentemente interessate da un profondo intervento di restauro



Image title

Lunedì 12 ottobre 2015 segnerà un piccolo evento per la Cultura all’interno della città di Roma: Palazzo Spada, sede del Consiglio di Stato, sarà aperto a tutti coloro i quali desidereranno visitarlo. Concittadini e turisti dunque sono invitati, dalle ore 15 alle ore 20, a fare un salto presso il prestigioso monumento sito in Piazza Capo di Ferro per godere del nuovo percorso di valorizzazione e fruizione che la prestigiosa sede dell’Istituto ha messo a punto. Sarà così possibile entrare nei sontuosi ambienti del piano nobile, recuperati attraverso un intervento di manutenzione e conservazione. Ma prima ancora sarà possibile ammirare gli esiti del recentissimo restauro della storica facciata del maniero, a cui si sono accompagnati i lavori di risistemazione del cortile interno al Palazzo. In particolare, sarà emozionante inoltrarsi nel seicentesco giardino riportato al suo decoro originario. Palazzo Spada è una gemma di prima grandezza nel ricchissimo panorama di edifici storici di cui è corredata la Città eterna: costruita nel Rione Regola, tra Piazza Farnese e Via Arenula, la dimora venne edificata nel 1540 dall’architetto Bartolomeo Baronino, cui si affiancò Giulio Mazzoni ed una squadra di valenti stuccatori che completarono il tutto. Destinato al cardinale Recanati Capodiferro, l’edificio venne comprato nel 1632 dal cardinale Spada, che ne affidò la risistemazione al Borromini, cui si deve lo spettacolare trompe-l'oeil in falsa prospettiva che trionfa nell'androne di accesso al cortile, creando l’illusione ottica di trovarsi di fronte ad una galleria di 37 metri, altrimenti lunga soli 8 metri ed ottenuta mediante un sorprendente incrocio di Arte, Architettura e calcoli matematici. Acquistato infine dallo Stato italiano nel 1927 e divenuto sede del Consiglio di Stato, Palazzo Spada ospita inoltre l’omonima Galleria, che in quattro sale espone magnifiche pitture che esposte secondo il gusto del XVII secolo, cornice contro cornice, con i quadri più piccoli in alto, al di sopra di quelli più grandi. Tali opere rimontano ai secc. XVI e XVII secolo ed annoverano autori come Andrea del Sarto, Guido Reni, Tiziano, Jan Brueghel il Vecchio, Guercino, Rubens, Hans Dürer, Caravaggio, Domenichino, Annibale Carracci, Salvator Rosa, Parmigianino, Francesco Solimena e Artemisia Gentileschi.