Notizie
Categorie: Altri sport

Pallanuoto, doppia sfida per l'Italia in appena 72 ore

Il Settebello affronterà la Turchia domani, mentre giovedì prossimo riceverà a Lodi la Francia



Image titleDoppio impegno di World League in appena 72 ore per il Settebello. Martedì a Istanbul affronterà la Turchia alle 21 locali con diretta streaming; giovedì, alle 20, giocherà a Lodi con la Francia in diretta su Rai Sport 1. Per il doppio confronto il cittì Alessandro Campagna ha pianificato un collegiale di tre giorni a Como con 20 atleti e alla sopravvenuta indisponibilità di Pietro Figlioli è subentrato Massimo Giacoppo. Sono rientrati in gruppo, seppur non ancora al top della condizione per il recupero dagli infortuni, Matteo Aicardi ed Alex Giorgetti, che insieme a Marco Del Lungo, Lorenzo Vespa, Alessandro Velotto, Francesco Coppoli, Cristiano Mirarchi, Giacomo Bini, Vincenzo Renzuto Iodice, Stefano Luongo, Francesco Di Fulvio, Andrea Fondelli e Fabio Baraldi, comporranno i 13 in vasca martedì per la quarta partita dell'Italia nei gironi preliminari. Nei precedenti turni: successi esterni in Francia per 15-19, in Montenegro per 15-13 ai rigori (11-11 regolamentari) e sconfitta a Torino con la Croazia 8-7. La partita si giocherà nella stessa piscina che ha ospitato i campionati mondiali under 18 nel 2014 (Turchia sesta, Italia settima), in questo periodo dell'anno coperta da una tensostruttura che ne garantisce l'attività, e sarà arbitrata dalla slovacca Martina Kunikova e dallo spagnolo Oriol Jaumandreu; il delegato FINA è il russo Evgeny Sharonov. Per gli azzurri, arrivati ad Istanbul domenica sera, è un avvicinamento di lavoro alla partita con doppia sessione di allenamento prima della rifinitura di martedì mattina: nuoto, palleggio, tiro dal perimetro e schemi con l'uomo in più. "Tempesti e Gallo devono essere gestiti. Figlioli si è infortunato. Giorgetti e Aicardi non sono ancora al 100% ma è importante favorirne un rientro graduale - sottolinea il cittì Campagna - Abbiamo tanti giovani da confermare e testare. Ho la necessità di accrescere tutti i reparti e tutelarmi in caso di assenze ed esigenze. Con la Turchia proverò Mirarchi. Si è laureato; ha vinto il titolo statunitense ed è in crescita. Peccato per Damonte bloccato dall'influenza, ma gli sarà data un'altra possibilità". L'obiettivo è vincere, ma soprattutto convincere il cittì Campagna, che in questa fase della stagione preferisce mantenere una rosa allargata e gestire gli atleti impegnati su più fronti con le rispettive società per poi operare una selezione con l'avvicinarsi della final eight di World League, in programma a Bergamo dal 23 al 28 giugno, e dei campionati mondiali di Kazan che qualificheranno alle Olimpiadi di Rio de Janeiro. "Queste due partite s'inseriscono in un contesto di lavoro; durante il collegiale a Como abbiamo effettuato un richiamo fisico e testato modifiche al gioco che cercheremo di realizzare contro Turchia e Francia per verificarne l'utilità";  spiega il cittì che chiede "applicazione e concentrazione. Quando le partite sembrano facili è determinante mantenere alta l'attenzione per evitare brutte figure e acquisire dati utili per il prosieguo della preparazione. La Turchia sta investendo sulla pallanuoto. Il Galatasaray sta cercando di acquisire le prestazioni di giocatori serbi e croati ed è intenzionata ad ospitare la final six di Champions League in pochi anni".L'ultimo confronto con la Turchia risale ai preliminari dei campionati europei di Zagabria, nel 2010: 9-4 con un break di 4-1 nel terzo tempo e l'Italia d'argento dietro alla Croazia padrone di casa. "Non fu una partita facile", ricorda Campagna, per la prima volta in carriera, sia d'allenatore sia da giocatore, contro la Turchia ad Istanbul. "Sono aggressivi e compatti, il campo ridotto potrebbe rendere la loro linea difensiva ancora più robusta. Per penetrarla saranno importanti l'attitudine al movimento e l'aiuto reciproco dei ragazzi in acqua".