Notizie
Categorie: Dilettanti - Eccellenza

Pareggio al "Cecconi" tra Monterotondo e Ladispoli

Gli eretini passano due volte in vantaggio con capitan Federici, ma Iannotti trova il 2-2. Positivo l'esordio di Virga



11a Giornata - 16 nov 2014
2 - 2

MARCATORI 30’ pt, 43’ pt Federici (M), 41’ pt Federici (L), 21’ st Iannotti (L)

MONTEROTONDO Alessandri, Palmerini, Pensabene, De Dominicis Andrea, Politanò, Gigliucci, Maresca, Barbetti (36’ st Lanatà), Federici, Palomba (28’ st Colombini), Virga (26’ st De Dominicis Gianluca) PANCHINA Baldoni, Bornivelli, Migani, Magurno ALLENATORE Ippoliti

LADISPOLI Marini, Roscioli, Martini, Tollardo, Pace, Vincenzi, Gravina, De Vecchis (44’ st Ianni), Federici, Manozzi (12’ st Iannotti), Bacchi (30’ st Marvelli) PANCHINA Romano, Castelletti, Pagliuca, Bernardini ALLENATORE Solimina 

ARBITRO D’Ascanio di Roma 2

ASSISTENTI Pantanella e Tempestilli

NOTE Ammoniti Palmerini, Palomba (M), Gravina (L) Angoli 4-9 Rec. 1’ pt, 3’ st. 

Federici, autore di una doppiettaIl Monterotondo ferma la capolista e conquista un punto d’oro al termine di una bellissima gara. Doppietta del Capitano Federici. Quinto gol in sei partite per l’attaccante eretino, rientrato dopo il lungo stop per l’infortunio al ginocchio. Esordio positivo per Valerio Virga. Un assist e tanta grinta per l’ex Roma che esce tra gli applausi del Cecconi. Grande prova del nostro portiere Carlo Alessandri e del baby Andrea De Dominicis, lodato a fine gara dal tecnico Solimina per il grande temperamento. Al cospetto di una grande squadra quale il Ladispoli, i ragazzi di Ippoliti regalano al pubblico del Cecconi una prestazione decisamente positiva.

Partono forte gli eretini. Al 9’ Federici sfrutta una indecisione della difesa rossoblu, ma Marini con una parata in volo sventa in angolo la conclusione del numero nove di casa. Due minuti dopo arriva il primo lampo del neo acquisto Virga. L’ex centrocampista della Roma impensierisce l’estremo difensore ospite con una gran botta dalla distanza, dopo un guizzo personale tra due difensori. Il Ladispoli si rende pericoloso al 17’ con una punizione dal limite di Martini che Alessandri toglie dall’angolino basso con una bella parata in tuffo. Al 24’ gli ospiti colpiscono il primo legno della gara con un colpo di testa di Federici che impatta sulla traversa. Il Monterotondo non si fa intimorire dalla pressione degli ospiti e alla mezz’ora passa in vantaggio. Corner di Palomba per la testa di Matteo Federici che a portiere battuto insacca la rete dell’1-0. La reazione degli ospiti arriva al ’37 quando Vincenzi sfiora il palo con un sinistro dal limite dell’area.  Al ’41 il Ladispoli trova il pareggio con Federici che con un tapin vincente sfrutta al meglio il prezioso assist di Gravina. Gli eretini stavolta non subiscono il colpo e tre minuti dopo tornano in vantaggio. Gran numero di Virga che pennella un cross al bacio di Federici che con un grande stacco di testa gonfia la rete. Passano soltanto due minuti e il Ladispoli colpisce il secondo legno di giornata, ancora una volta con un colpo di testa di Federico Federici che Alessandri toglie da sotto al set grazie ad un gran intervento a mano aperta.

Nel secondo tempo il Ladispoli parte forte, colpendo per la terza volta la traversa con una gran botta di Gravina dalla distanza. Gli ospiti trovano il pareggio al 21 st’ con il colpo di testa di Iannotti, subentrato nella ripresa. Nel finale di gara il Monterotondo ha l’occasione di vincere la partita. Palmerini si fa tutta la fascia destra e serve sui piedi di Gianluca De Dominicis, entra al posto di Virga, il possibile 3-2. La conclusione al volo dell’attaccante eretino all’altezza del dischetto è centrale e non impensierisce troppo l’estremo difensore avversario. Nei minuti di recupero un incursione di Palmerini semina il panico nella difesa rossoblu ma il suo assist per Federici, solo in area di rigore, viene intercettato da un grande intervento di un difensore del Ladispoli. Sugli sviluppi del calcio d’angolo, l’arbitro fischia la fine di un gara che permette al Monterotondo di conquistare i primi punti casalinghi ma soprattutto di tenere alto il morale dopo la vittoria di Monteverde.