Notizie
Categorie: Allievi Fascia B

Parla il tecnico del Civitavecchia neo promosso in Elite, Michele Micheli: "Senza carattere non andremo lontano"

L'allenatore è pronto a cominciare la sua nuova avventura, prima però ringrazia il Ds Rocchetti: "Lui determinante nella mia scelta"



Quello che attende il Civitavecchia sarà sicuramente un campionato delicato. La società, per difendere la categoria d'Elite appena conquistata, ha deciso di affidarsi ad un volto nuovo: Michele Micheli. Vediamo perchè il tecnico ha scelto i colori nerazzurri e cosa si aspetta dalla prossima stagione.

Michele Micheli, nuovo tecnico dei '99 del CivitavecchiaAllora mister, si riparte da Civitavecchia
“Sì, e con grande piacere. Sono stato fermo un anno per una mia scelta personale dopo che nella passata stagione ho preferito rinunciare all'incarico che avevo a Ladispoli”

Il Ds Rocchetti si è detto entusiasta di averla nel parco allenatori
“Ricomincio con grande voglia e da una categoria importante. Sono stato contattato da Rocchetti che è un amico oltre che il mio nuovo direttore sportivo. Lui è riuscito a riaccendere in me la fiamma della passione per questo sport che si stava spegnendo”

Questo il motivo della sua scelta di ripartire proprio da Civitavecchia?
“Be sì, non faccio fatica ad ammettere che il rapporto con Rocchetti sia stata la chiave di volta per il buon esito della trattativa. Avevo anche altre offerte ma ho scelto Civitavecchia perchè a volte c'è bisogno di qualcosa che ti dia la spinta per ripartire e lui è stato questo”

Tornerà guidando la squadra in un campionato complicato come quello d'Elite. Pronto?
“Partiamo svantaggiati, inutile negarlo. Dico questo perchè abbiamo allestito un gruppo totalmente nuovo riconfermando solo quattro o cinque '99 della passata stagione. A tutto ciò va aggiunto che ci confronteremo con altre realtà che avranno dei gruppi ben amalgamati e che partecipano a campionati d'elite ormai da tre anni”

Gruppo totalmente rinnovato quindi
“Sì, abbiamo preso una buona parte dei ragazzi dal Dlf che l'anno scorso ha vinto il campionato nei regionali. Assieme a loro abbiamo pescato dalle squadre del litorale come Canale Monterano, Cerveteri e Tarquinia. Infine integreremo la rosa con qualche 2000 più pronto per partecipare a questo campionato”

Tanti ragazzi che arrivano dai Regionali e saranno all'esordio in un campionato d'Elite. Preoccupato?
“Be', se prendiamo l'avventura con umiltà può essere un nostro punto di forza. La fame e la voglia di metterci in mostra e di far vedere agli altri che non siamo inferiori sarà importante. Certo, di contro dovremo sicuramente fare i conti con la poca esperienza nella gestione di certe situazioni di gioco ma, in fondo, il compito dell'allenatore è proprio far migliorare la squadra dove ha più bisogno”

La società cosa le ha chiesto?
“Mi ha chiesto la salvezza. Sono fiducioso, ho un buon gruppo e piano piano vedremo a cosa potremo ambire, se alla semplice salvezza o a qualcosa in più”

In chiusura, lei invece cosa chiede ai suoi ragazzi?
“Il Civitavecchia di Micheli dovrà essere una squadra che renderà la vita dura a tutti. Dovremo spendere fino all'ultima goccia di sudore. L'aspetto tecnico e tattico lo valuteremo strada facendo magari ma l'aspetto caratteriale deve essere alla base di tutto se davvero vogliamo fare buona annata”