Notizie

Parte di un controsoffitto frana contro un convoglio: metro A spaccata in due

Il fatto sarebbe avvenuto stamane poco dopo le otto: nessun ferito tra gli occupanti del convoglio, prontamente evacuato. E’ in forse la riapertura entro le ore 15. Il Codacons annuncia un esposto in Procura



Image title


Tragedia sfiorata per un pelo, stamane, all’interno della stazione della metropolitana di Piazza di Spagna - Linea A, nella Capitale: intorno alle otto del mattino, quando cioè si registra una delle fasi di maggior afflusso di turisti e lavoratori in quella che è tra le banchine più frequentate della metropolitana capitolina, un pezzo di controsoffitto è venuto giù, rovinando su di un convoglio che transitava all’interno della stazione. Quest’ultimo è stato prontamente evacuato e non appena raggiunta la metro di San Giovanni è stata predisposta la chiusura della tratta che da San Giovanni appunto porta ad Ottaviano. Per quanto riguarda una potenziale riapertura, annunciata intorno alle ore 15, nulla si sa al momento in quanto, stando a fonti Atac, sono in corso una serie di indagini per appurare le cause del distacco ed al contempo effettuare opportuni lavori di manutenzione che permettano alla tratta di essere ripristinata in tutta sicurezza: a quanto racconta l’assessore Stefano Esposito, a venire giù è stato un pacco batterie del treno, del diametro di due metri per uno il quale, precipitando, ha colpito il montante della calotta della galleria, facendo cedere la controvolta. In breve, un oggetto della grandezza di un comò, il cui distacco avrebbe potuto comportare conseguenze ben peggiori alla pubblica incolumità. Ciò non è accaduto fortunatamente ma, com’era prevedibile, Roma si è ritrovata nuovamente spaccata in due e manco a dirlo, ha dovuto fare i conti con pesantissime ripercussioni: proprio a tale proposito, in effetti, va fatto cenno alla forte reazione di protesta dei numerosi passeggeri della metro i quali, di fronte ad uno stop che in prima battuta ha ricordato molto da vicino gli scioperi bianchi della scorsa estate, si sono riversati all’esterno in un clima di forte tensione, stipando fino all’inverosimile bus e tram oppure utilizzando mezzi di trasporto propri, che hanno finito per ingolfare ulteriormente il traffico, mandandolo definitivamente in tilt. Il Codacons, di fronte a questa nuova emergenza, ha deciso di presentare un esposto in Procura per sollecitare l’apertura di un’inchiesta nell’ambito della quale appurare eventuali responsabilità e capire se tale situazione di degrado nel trasporto pubblico capitolino investa anche altre tratte e stazioni metro.