Notizie
Categorie: Giovanili - Juniores

Passano gli anni, ma Salini è sempre il solito bomber

L'ex centravanti dell'Urbetevere è il capocannoniere di tutti i gironi del campionato.



Simone SaliniNel suo piccolo anche Rieti può vantare un record a livello italiano. E lo deve al bomber Simone Salini, leader dei realizzatori di tutti i gironi del Campionato nazionale Juniores. Ventisei le reti segnate in appena 18 presenze, a contribuire non poco al secondo posto raggiunto dalla squadra allenata da Roberto Pompili, attesa sabato prossimo 25 aprile al debutto nei playoff contro l’Astrea. Fare gol, del resto, è il vero e proprio mestiere di Salini: basti pensare alla straordinaria media (1,20 gol a partita) fatta registrare nelle due stagioni con la Juniores amarantoceleste, in cui ha totalizzato 51 reti in 40 presenze. “Mestiere” iniziato, con altrettanti eclatanti numeri, nell’Urbetevere, società in cui è calcisticamente cresciuto e che ha ripagato con 32 gol negli Allievi e 27 nella Juniores Elite stagionale.   Se c’è un cruccio, è quello di non poter dare ora il proprio contributo alla propria squadra nella fase finale del campionato Juniores. “Colpa” del regolamento che non permette ai ’95 (data di nascita di Salini) di partecipare al rush conclusivo del torneo. “Sapevo che non avrei potuto giocare nei playoff – dice Simone Salini – ma ora che il momento è giunto mi dispiace ancora di più non esserci e non poter fattivamente aiutare la squadra ad andare il più avanti possibile. In ogni caso, sarò puntualmente a fianco dei miei compagni in ogni match e, ovviamente, sarò il loro primo tifoso.  Le possibilità? Per me ci sono ed anche parecchie. Abbiamo notevoli potenzialità per proseguire il nostro cammino, considerando anche che, eventualmente, ci sarà anche la possibilità di veder scendere dalla prima squadra alcuni ’96 in grado di fare ulteriore differenza. Certo ci sarà da fare attenzione ad ogni avversario, considerato che a questo punto del campionato andremo sempre ad incontrare formazioni ben attrezzate e preparate. Così sarà contro l’Astrea fin da sabato prossimo, ma sono sicuro che la squadra saprà dare il meglio per passare il turno”.Del suo soggiorno a Rieti, Salini ha solo buonissime impressioni. “Solo qualche piccola difficoltà all'inizio subito superata anche grazie al pieno appoggio del club. Davvero un ottimo ambiente con la società che  mi è stata sempre vicina ed è risultata attenta ad ogni particolare. Sono stati due anni davvero belli e spero di poter continuare con il Rieti, con cui ho un accordo di cinque anni. Di questo, e del mio futuro, deciderà comunque il presidente. Da parte mia sono completamente sereno e non credo ci saranno problemi. Il mio unico desiderio è quello ovviamente di poter giocare”. L’unico modo, aggiungiamo, per permettere a Salini di eccellere nella sua qualità: il gol.