Notizie
Categorie: Dilettanti - Eccellenza

Penalizzazioni per Santa Maria delle Mole e Gaeta

Il Tribunale Federale Territoriale ha punito i due club per la corrente stagione (dunque le decisioni sono ininfluenti ai fini delle classifiche dei due raggruppamenti)



Il presidente del Gaeta, Mario BelalbaDue punti di penalizzazione per il Santa Maria delle Mole per il mancato pagamento dei calciatori Barlizio e Romeo e altrettanti al Gaeta. Le due sanzioni del Tribunale Federale Territoriale sono ininfluenti al fine della classifica delle due squadre (retrocessi i castellani e comunque salvi i pontini). Inflitte anche ammende alle società e inibizioni ai due presidenti. Di seguito le decisioni:

DEFERIMENTO DELLA PROCURA FEDERALE AL TRIBUNALE FEDERALE TERRITORIALE A CARICO DEL PRESIDENTE ARMANDO DE SIMONE DELLA SOCIETA’ N.SANTA MARIA DELLE MOLE MARINO PER VIOLAZIONE DELL’ART. 1 BIS COMMA 1 C.G.S. IN RELAZIONE ALL’ART 94 TER COMMA 11 DELLE NOIF E ALL’ART 8 COMMA 9 DEL C.G.S E ALLA SOCIETA’ PER VIOLAZIONE AI SENSI DELL’ART. 4 COMMA 1 DEL C.G.S. 

Il Comitato Regionale Lazio trasmetteva alla Procura Federale Territoriale gli atti relativi al mancato pagamento entro il termine stabilito, da parte della Società A.S.D. Nuova Santa Maria delle Mole Marino, della somma di euro 3.000 (tremila) in favore del calciatore Tommaso Barlizio. Ha rilevato la Procura che, in data 22/8/2014, la Commissione Accordi Economici della L.N.D., in accoglimento del ricorso presentato dal calciatore Tommaso Barlizio, condannava la Società A.S.D. N. Santa Maria Delle Mole Marino, al pagamento in favore della somma di € 3.000,00. La predetta decisione veniva comunicata alla suddetta Società, mediante lettera raccomandata in data 12/9/2014, la quale non provvedeva al pagamento di quanto dovuto, nei termini previsti dalla normativa federale. In virtù di quanto sopra, la Procura Federale deferiva al Tribunale Federale Territoriale il Signor Armando De Simone, all’epoca dei fatti, presidente e legale rappresentante della Società A.S.D. N. Santa Maria Delle Mole Marino, per le violazioni regolamentari indicate in epigrafe, e la Società, a titolo di responsabilità diretta ai sensi dell’art. 4 comma 1 del C.G.S., per il comportamento posto in essere dal proprio legale rappresentante, come sopra scritto. Alla riunione indetta da questo Tribunale per il giorno 30/4/2015, è presente, per la Procura Federale, l’avvocato Luca Sanzi, mentre nessuno è presente per i deferiti. La Procura, richiamandosi all’atto di deferimento, conclude chiedendo per il Signor Armando De Simone, presidente della Società, l’inibizione di sei mesi e l’ammenda di € 700,00 ed un punto di penalizzazione per la Società. Questo Tribunale, non ravvisando elementi di discordanza, con quanto rappresentato dalla Procura ed, in ossequo a quanto stabilito dalle norme regolamentari previste, per i casi in questione, non può che accogliere le proposte avanzate dall’Organo Inquirente e sopra riportate. Detto ciò, questo tribunale Federale 

DELIBERA

di ritenere i deferiti responsabili delle violazioni loro ascritte ed indicate in epigrafe, attribuendo al presidente Signor Armando De Simone l’inibizione di 6 mesi, ed alla Società Santa Maria delle Mole Marino l’ammenda di € 700,00 ed un punto di penalizzazione in classifica.Si comunichi agli interessati 

DEFERIMENTO DELLA PROCURA FEDERALE AL TRIBUNALE FEDERALE TERRITORIALE A CARICO DEL PRESIDENTE ARMANDO DE SIMONE DELLA SOCIETA’ N. SANTA MARIA DELLE MOLE MARINO PER VIOLAZIONE DELL’ART. 1 BIS COMMA 1 C.G.S. IN RELAZIONE ALL’ART 94 TER COMMA 11 DELLE NOIF E ALL’ART 8 COMMA 9 DEL C.G.S E ALLA SOCIETA’ PER VIOLAZIONE AI SENSI DELL’ART. 4 COMMA 1 DEL C.G.S. 

Il Comitato Regionale Lazio trasmetteva alla Procura Federale Territoriale gli atti relativi al mancato pagamento entro il termine stabilito, da parte della Società A.S.D. Nuova Santa Maria delle Mole Marino, della somma di euro 3.000 (tremila) in favore del calciatore Domenico Romeo. Ha rilevato la Procura che, in data 22/8/2014, la Commissione Accordi Economici della L.N.D., in accoglimento del ricorso presentato dal calciatore Domenico Romeo, condannava la Società A.S.D. N. Santa Maria Delle Mole Marino, al pagamento in favore della somma di € 3.000,00. La predetta decisione veniva comunicata alla suddetta Società, mediante lettera raccomandata in data 12/9/2014, la quale non provvedeva al pagamento di quanto dovuto, nei termini previsti dalla normativa federale. In virtù di quanto sopra, la Procura Federale deferiva al Tribunale Federale Territoriale il Signor Armando De Simone, all’epoca dei fatti, presidente e legale rappresentante della Società A.S.D. N. Santa Maria Delle Mole Marino, per le violazioni regolamentari indicate in epigrafe, e la Società, a titolo di responsabilità diretta ai sensi dell’art. 4 comma 1 del C.G.S., per il comportamento posto in essere dal proprio legale rappresentante, come sopra scritto. Alla riunione indetta da questo Tribunale per il giorno 30/4/2015, è presente, per la Procura Federale, l’avvocato Luca Sanzi, mentre nessuno è presente per i deferiti. La Procura, richiamandosi all’atto di deferimento, conclude chiedendo per il Signor Armando De Simone, presidente della Società, l’inibizione di sei mesi e l’ammenda di € 700,00 ed un punto di penalizzazione per la Società. Questo Tribunale, non ravvisando elementi di discordanza, con quanto rappresentato dalla Procura ed, in ossequo a quanto stabilito dalle norme regolamentari previste, per i casi in questione, non può che accogliere le proposte avanzate dall’Organo Inquirente e sopra riportate. Detto ciò, questo tribunale Federale 

DELIBERA

di ritenere i deferiti responsabili delle violazioni loro ascritte ed indicate in epigrafe, attribuendo al presidente Signor Armando De Simone l’inibizione di 6 mesi, ed alla Società Santa Maria delle Mole Marino l’ammenda di € 700,00 ed un punto di penalizzazione in classifica, a decorrere dal termine della precedente sanzione di cui al presente Comunicato.

DEFERIMENTO DEL PROCURATORE FEDERALE A CARICO DEL PRESIDENTE MARIO BELALBA DELLA SOCIETA’ POL. GAETA SRL PER VIOLAZIONE DELL’ART. 1 BIS COMMA 1 C.G.S. IN RELAZIONE ALL’ART 94 TER COMMA 11 DELLE NOIF E ALL’ART 8 COMMA 9 DEL C.G.S E ALLA SOCIETA’ PER VIOLAZIONE AI SENSI DELL’ART. 4 COMMA 1 DEL C.G.S. 

Il Tribunale Federale Territoriale,rilevato che prima di procedere al dibattimento l’Avv. Luca Sanzi, rappresentante della Procura Federale, deposita la proposta, avanzata dai deferiti, di applicazione di provvedimenti concordati, ai sensi dell’art. 23 C.G.S., nella misura di seguito indicata.Mario Belalba, Presidente società Pol. Gaeta SRL inibizione per mesi 18 (diciotto)Pol. Gaeta S.R.L. ammenda di € 6.000,00 (seimila/00) e n° 2 punti di penalizzazione nel Campionato di Eccellenza da scontare nella corrente stagione sportiva.Osservato che la Procura Generale dello Sport presso il C.O.N.I.., con nota del 22 aprile 2015, non ha effettuato alcuna osservazione a riguardoRitenute congrue le sanzioni così come concordate. 

DELIBERA 

l’applicazione delle seguenti sanzioni:Mario Belalba, Presidente Pol. Gaeta SRL, inibizione per mesi 18Pol. Gaeta SRL ammenda di € 6.000,00 e n° 2 punti di penalizzazione nel Campionato di Eccellenza da scontarsi nella corrente stagione sportiva.Si comunichi agli interessati.