Notizie
Categorie: Calcio a 5 - C/5 Nazionali

Per il Latina la beffa arriva a 28'' dalla sirena. La Luparense passa 2-1

La formazione pontina tiene testa ai campioni d'Italia, ma si arrende allo scadere alla giocata di Mauricio



Foto © Divisione Calcio a 5MARCATORI 2'35'' p.t. Nora (LU), 8'24'' s.t. Avellino (LA), 19'32'' Mauricio (LU)

RAPIDOO LATINA Gilli, Fabiano, Menini, Battistoni, Avellino, Natalizia, Arellano, Terenzi, Vernillo, Angeletti, Vinci, Chinchio. ALLENATORE Giampaolo

LUPARENSE Miarelli, Nora, Honorio, Waltinho, Ruben, Rigoni, Faccin, Lo Giudice, Mauricio, Restaino, Taborda, Morassi. ALLENATORE Musti

NOTE Ammoniti Arellano, Honorio, Fabiano, Miarelli, Nora, Natalizia, Mauricio. al 12'06'' s.t. allontanato il tecnico del Latina Giampaolo per proteste

ARBITRI Calaprice (Bari), Di Padova (Termoli) CRONO Dante (Ciampino)

I primi tre punti del campionato di Serie A di calcio a 5 per la stagione 2014-2015 vanno ai campioni d'Italia della Luparense. Che faticano, rischiano, ma con un gol di Mauricio a 28 secondi dalla fine riescono a sbancare (2-1) il PalaBianchini di Latina, rendendo amaro (ma con tanti applausi finali) l'esordio nella massima serie della Rapidoo, che con Avellino aveva pareggiato il gol di Nora. I nerazzurri di Luca Giampaolo colpiscono anche un palo a pochi secondi dalla sirena, con Arellano. La squadra di Alessio Musti, ora, potrà concentrarsi sul Main Round di Uefa Futsal Cup in programma la prossima settimana a Kragujevac (Serbia), con esordio il 1 ottobre contro gli inglesi del Baku United. 

Tre assenze pesantissime per il Latina, senza Maina (infortunato), Lara e Bacaro (squalificati). Eppure, in un PalaBianchini pieno con oltre 1500 spettatori sulle tribune, i nerazzurri se la giocano bene sin dall'inizio: la prima occasione della partita è per Avellino, a cui risponde dall'altra parte Waltinho. Al 2'35'', vantaggio dei Lupi: lo segna Nora, che non ha problemi nel mettere in rete, con la porta vuota, l'assist di Honorio. Il ritmo non è forsennato, la Luparense tiene in mano il gioco ma i nerazzurri si fanno vedere dalle parti di Miarelli: bravissimo l'ex portiere del Rieti a dire di no ad Avellino, poi è Battistoni a mettere fuori di poco, infine è ancora Miarelli a opporsi in uscita su Menini.


La ripresa, almeno in avvio, è meno emozionante, con il Latina che fatica a trovare varchi: la Luparense si difende alla grande, fino all'8'24'', quando Avellino si sposta il pallone sul destro e fulmina Miarelli, facendo esplodere il PalaBianchini, che non aveva mai visto il Latina segnare in Serie A. Gli ospiti reagiscono prontamente, e solo il palo salva Gilli sul destro di Waltinho. Poi, duello tra Fabiano e Miarelli in tre atti, con il portiere ex Rieti che esce sempre vincitore nei confronti dell'ex azzurro, ed ex proprio della Luparense. Musti, nel finale, prova a vincere: dentro Mauricio portiere di movimento, con Gilli che dice di no alla conclusione a botta sicura di Taborda. Ma è proprio Mauricio a realizzare il gol vittoria al 19'32'': assist di Honorio e tocco vincente dell'ex Cogianco e Pescara. Paniccia, vice di Giampaolo (espulso), schiera Avellino portiere di movimento, con Arellano che colpisce il palo a pochi decimi dalla fine. Suona la sirena e Miarelli bacia il palo. Ne ha tutti i motivi per farlo.