Notizie
Categorie: Calcio a 5 - C/5 Femminile

Piattoli: “Una sconfitta per le donne e il futsal”

Le parole del tecnico del Real Balduina dopo i brutti fatti accaduti nella gara con il Nazareth



Luca PiattoliTralasciamo il futsal, un attimo. E parliamo di rispetto, sport e valori. Perché fin da quando sei piccolo ti insegnano il rispetto per l’avversario, il tifo per la tua squadra, la bellezza di uno sport quantomeno pulito. E già saremmo al limite se parlassimo di uomini, figurarsi, poi, di donne. A sette giorni dalla giornata mondiale contro la violenza sulle donne, la partita tra Nazareth e Real Balduina (finita 2-1 per la squadra di Centocelle) è stata palcoscenico di tutto ciò che va contro le donne e contro lo sport. Insulti, sputi addirittura. E a perderci, signori, siamo stati tutti.“Tralasciando il risultato del campo che può essere giusto o meno – ha commentato il mister del Real, Luca Piattoli – l’aspetto che mi ha più colpito è stato vedere delle ragazze, quelle del Nazareth intendo, ben messe in campo e rispettose, in confronto agli sputi e gli insulti che nel frattempo venivano da fuori. Sarà che noi veniamo da una “casa” cattolica come il Don Orione e siamo abituati alla massima correttezza. E sarà che anche il Nazareth è una parrocchia. Certo è che, a maggior ragione, soprattutto all’interno di una parrocchia queste scene non dovrebbero vedersi mai. Noi, al Don Orione, insegniamo ai nostri bambini a tifare per la propria squadra, prima di tutto, non a insultare gli avversari. Soprattutto parlando di ragazze, di donne. Per non parlare, poi, dell’atteggiamento dell’arbitro che ha avuto una direzione di gara quantomeno “curiosa” considerando i suoi sorrisi beffardi mentre le mie ragazze venivano insultate e derise da fuori. Influenzato di certo dal pubblico, il signor arbitro ha preso decisioni discutibili durante la gara ma al di là di questo ha riso a battute e insulti arrivati da fuori. Gli sputi, poi, che mi sono preso sulle scarpe (ero squalificato e stavo fuori dal campo) neanche li racconto. Quel che è certo, e scusate lo sfogo, è che le donne non meritano questo. E tantomeno il futsal”.