Notizie

Pioggia, fango e Inter: Roma eliminata in semifinale

I giallorossi chiudono in otto una gara contraddistinta dalle pessime condizioni del campo da gioco. Segnano Steffè, Bonazzoli e Appiah (doppietta)



foto©inter.itROMA - INTER 0-4

MARCATORI Steffè 28’pt, Bonazzoli 22’st rig., Appiah 24’st e 47’st rig.

ROMA Pop 4.5, Paolelli 5 (39'st Pellegrini 5.5), Calabresi 5.5, Marchizza 5, Anocic 5.5, Ndoj 6.5, Pepin 5 (28'st Ciavattini 6), D'Urso 5.5 (39'st Soleri 5), Njiki Tchoutou 5 (14'st Di Mariano 5), Vestenicky 5 (25'st Calì 5.5), Ferri 5.5 PANCHINA Faiella, Sammartino, Capradossi, Adamo, Di Livio ALLENATORE De Rossi

INTER Radu 6.5, Gyamfi 6 (37'st Crosato sv), Yao Guy 6, Sciacca 6 (30'st Della Giovanna 6), Dimarco 6, Steffè 7, Palazzi 6.5, Rocca 6.5, Camara 6 (15'st Appiah 7.5), Bonazzoli 6  (27'st Rapajc 6), Baldini 6 (43'st Popa sv) PANCHINA Costa, Pissardo, Gnoukouri, Dabo, Ventre ALLENATORE Vecchi

ARBITRO Serra di Torino, 5

ASSISTENTI Larotonda e Garavaglia

NOTE Espulso Marchizza al 22'st (R) per gioco falloso e Soleri al 43'st (R) per doppia ammonizione, Pop (R) al 46'st per gioco falloso. Allontanato Vecchi (I) per proteste al 20'st Ammoniti Njiki Tchoutou, Calabresi, Rapajc, Ferri, Palazzi Angoli 9-2 Recupero 2'pt e 3'st 


Termina nel peggiore dei modi l'avventura della Roma alla Viareggio Cup. Proteste, polemiche, fango, otto uomini rimasti in campo, Calì finito a difendere la sua squadra tra i pali, lui che nei pali vuole spararci dentro il pallone. Pioggia e rabbia, assonanza di un sabato da dimenticare, ma non da cancellare. La Coppa Carnevale resta un tabù, per la società e per Alberto De Rossi, che deve dire addio alla prima competizione stagionale ad un passo dalla finalissima del torneo. Ha vinto l'Inter, che probabilmente avrà offerto un gioco meno bello, ma bisogna pur sapersi adattare. Sì perché questo resterà il torneo delle polemiche e delle pessime condizioni del campo Bresciani di Viareggio. La pioggia battente ha vanificato ogni tentativo di buon gioco, soprattutto nell'arco del primo tempo. Acquitrini e fango che hanno contaminato il terreno di gioco in ogni suo spicchio, rischiando di compromette le condizioni fisiche dei giocatori scesi in campo. Il culmine di quanto visto nei giorni scorsi, con le dichiarazioni al veleno di Filippo Galli dopo la prima giornata e lo spostamento della finalissima a malincuore, lunedi si giocherà a Pisa e non a Viareggio. La nemesi di tutto ciò è che questa mattina le due grandi assenti del torneo, Juventus e Lazio, si sono affrontate ad Ivrea per la semifinale di ritorno della Primavera Tim Cup e lo spettacolo, non che ci volesse molto, è stato sicuramente più degno di quanto visto a Viareggio nel pomeriggio.


Bonazzoli (Inter)La gara. A spianare la strada ai nerazzurri è un grossolano errore di Pop che, dopo quasi mezz'ora di nulla, vede partire da fuori area un destro al volo di Steffè, il tiro non irresistibile passa accanto al portiere rumeno che incredibilmente manca l'aggancio, forse ingannato dal rimbalzo del pallone. Tra i giallorossi il più vivace è Ndoj, è lui in precedenza a impegnare Radu, bravo a distendersi e a deviare in angolo. Il centrocampista albanese è il più pericoloso anche a fine del primo tempo e A inizio ripresa, ma ancora una volta il portiere nerazzurro si fa trovare pronto. Al 20'st un contropiede fulmineo dell'Inter viene sventato da un ripiegamento difensivo da applausi di Ferri, ma dalla panchina Vecchi non ci sta protestando veementemente, l'arbitro piemontese Serra lo manda in tribuna. Due minuti dopo lo snodo cruciale del match: Marchizza viene espulso per un fallo al limite dell'area su Appiah, bravo ad anticipare di un soffio il difensore giallorosso. L'arbitro Serra però estrae il cartellino rosso e sancisce un calcio di rigore in favore dei nerazzurri. Dagli undici metri Bonazzoli è precisissimo, siglando il raddoppio. La Roma accusa il colpo e rimedia il terzo gol dopo altri due giri di lancetta: punizione in area di rigore, Appiah in due tempi insacca alle spalle di Pop. Nel finale vengono espulsi anche Soleri e Pop, che stende in area lo stesso Appiah. Dagli undici metri l'attaccante non sbaglia infilando un portiere inedito: Aimone Calì, costretto a chiudere la gara tra i pali dopo le cinque sostituzioni già effettuate dal tecnico romanista.


Le parole di De Rossi a Rai Sport. "Non saprei decifrare una partita del genere, il risultato è pesante. I ragazzi hanno condotto tutta la gara, hanno fatto una partita eccezionale. Siamo stati sfortunati in occasione del primo gol, ma abbiamo condotto la gara sempre noi. Loro sono stati bravi a sfruttare le ripartenze. Ai ragazzi dico siamo forti, fortissimi, abbiamo grande carattere e un futuro roseo."