Notizie
Categorie: Giovanili - Juniores

Play off: Rieti - Astrea, parola ai due tecnici

Pompili e Matrodonato analizzano la gara di domani tra sabini e biancoazzurri



Ci siamo. Domani, sabato 25 aprile, si aprirà ufficialmente la post season del campionato Juniores Nazionali. Per il girone laziale saranno Rieti e Astrea a esordire nel play off che servirà da fase eliminatoria in vista degli ottavi del 23 maggio, cui solo il San Cesareo, detentore del titolo, è automaticamente qualificato. Si gioca in casa del Rieti, squadra meglio piazzata in classifica, una partita in gara unica da dentro o fuori. Iniziamo proprio dai padroni di casa.

Mister Pompili, è arrivato un sabato decisivo non crede? 

"Sarà un sabato importante. Ci siamo preparati a questa tappa con un gran lavoro. Speravamo del resto che il distacco con l'Astrea superasse i dieci punti, per arrivare direttamente alle fasi successive, e invece dovremo giocarcela in una gara da dentro fuori".

Avrete certamente fatto dei calcoli nell'ultima parte di campionato in vista delle fasi finali. Avete anche cercato di contenere le forze per concentrare tutto sui play off?

"No, abbiamo spinto fino alla fine. Non l'avremmo mai fatto, per indole e perché puntavamo comunque a consolidare il secondo posto; un piazzamento che offre un discreto vantaggio tra la possibilità di giocare il play off in casa e quella di vedersi riconoscere il passaggio del turno in caso di parità ai tempi supplementari". 

Veniamo a domani. Tutti a disposizione contro l'Astrea?

"Purtroppo no. Sarò costretto a rinunciare a un nostro top player: Duaby. Il ragazzo, un'ottima punta, classe '98, non sarà disponibile perché infortunato. Difficile al momento anche prevedere per quanto ne avrà".

Quanto all'Astrea, la fame di questi play off e una classifica sempre in bilico tra chi vi era dentro e chi escluso, ha costretto la formazione biancazzurra a una cavalcata col coltello fra i denti che si è conclusa solo all'ultima di campionato.

Mister Mastrodonato, arrivate ai play off davvero lanciatissimi. 

"Non ci siamo mai risparmiati. Per centrare i play off eravamo costretti a vincere. Ora ci siamo e per noi è una grande soddisfazione, è come aver vinto il campionato". 

Dove può arrivare questa squadra?

"Non so, l'importante è continuare a giocare come abbiamo fatto fin'ora, con umiltà e sacrificio. Questo è un buon Salini attaccante del Rietigruppo, che ha dimostrato di saper fare buone prestazioni. Quanto a domani, sarà un test importante contro una squadra con la quale nell'ultima sfida di campionato abbiamo dimostrato di poter dar vita a una partita equilibrata. Di certo però domani dovremo tenerci pronti, visto che sicuramente il Rieti avrà anche rinforzi dalla prima squadra".

Quanto alla formazione di domani cosa ci puoi dire?

"Oggi con la rifinitura avrò un quadro più chiaro. Di certa, per adesso, c'è solo l'assenza di Mezzopra e Urbani, per un problema alla caviglia il primo e un'influenza l'altro. Vedremo in queste ore come sopperire a queste defezioni pesanti".