Notizie
Categorie: Giovanili - Allievi

Podgora Cup, tra gli Allievi vince il Racing Club

In finale piegati i padroni di casa del Borgo Podgora per 4-2



Il Racing Club con il trofeoUna vittoria che non fa proprio una grinza. Gli Allievi del Racing Club, nel massimo rispetto dei pronostici della vigilia, si aggiudicano in scioltezza la ventesima edizione della Podgora Cup, piegano in finale la resistenza dei padroni di casa del Borgo Podgora (4-2) e permettono alla società del presidente Antonio Pezone di iscrivere per il terzo anno consecutivo il proprio nome nell’Albo d’Oro di uno dei Tornei di calcio giovanili più rinomati dell’Agro Pontino. Il sodalizio ardeatino, però, ha i requisiti per pensare ancora più in grande in questa stagione nella kermesse sportiva borghigiana: i Giovanissimi di Tovalieri e gli Esordienti di Del Grosso giocheranno lunedì prossimo la finalissima. La prima parte della gara, tutto sommato, è favorevole ai pontini, i quali scendono in campo senza alcun timore reverenziale e sfiorano la marcatura con Vitali e Natalizzi. L’attaccante si vede chiudere lo specchio della porta da Samà, bravo nella circostanza a uscire tempestivamente fuori dai pali e a sbrogliare una situazione piuttosto delicata, mentre il centrocampista sfiora l’incrocio dei pali direttamente su punizione dal limite dell’area. Il Borgo Podgora, a riprova di un maggior possesso palla, riesce a spezzare l’equilibrio al terzo tentativo per merito di Vitali, il quale si procura e trasforma, con un’esecuzione perfetta, un calcio di rigore. Richiamati a rimboccarsi le maniche da mister Cipriani, Fusco e soci cambiano marcia, avanzano il raggio d’azione e, cinque minuti più tardi, pervengono al pareggio sempre dal dischetto con Priori, bravo a tramutare in gol, con una chirurgica conclusione a mezza altezza, un penalty decretato dall’arbitro per un contatto in area tra Recupero e Fabbri. Galvanizzato nel morale, il Racing Club continua a fare la partita, sfiora il raddoppio con Riitano e Pansè, ma commette il grave errore di prestare il fianco alle veloci ripartenze degli attaccanti avversari e, poco dopo la mezzora, si complica i propri piani: Samà si trova costretto a commettere fallo fuori dell’area di sua pertinenza su Marzullo lanciato a rete, rimedia il secondo cartellino giallo e costringe la sua squadra a giocare oltre un tempo in dieci contro undici. Mister Cipriani, di conseguenza, rileva Albertini e schiera in porta il numero dodici Spallotta. Non basta, però, l’inferiorità numerica per frenare gli ardeatini, i quali gettano il cuore oltre l’ostacolo e chiudono il primo tempo in vantaggio grazie a una seconda rete di Priori. Il numero otto gialloneroverde trasforma con la complicità di Turrini, non esente da colpe nella circostanza, un calcio piazzato e permette alla propria squadra di archiviare la frazione inaugurale con il morale alto. Alla ripresa delle ostilità, il Borgo Podgora prova generosamente a rientrare in partita e si crea i presupposti per pareggiare, ma si vede voltare le spalle dalla dea bendata: Raiz colpisce il palo a Spallotta battuto. Scampato il pericolo, la formazione ardeatina allunga prepotentemente nel punteggio con il bomber Recupero, bravo a piazzare la stoccata vincente sugli sviluppi di un tiro dalla bandierina. La squadra di Cipriani, a quel punto, amministra con piglio autoritario la situazione favorevole e, a cinque minuti dalla conclusione, cala il poker con Fusco, il quale fa valere le sue doti di tiratore scelto e trafigge Turrini con una splendida conclusione dai diciotto metri. Poco prima del triplice fischio, tutto sommato, si registra un’altra marcatura. Il Borgo Podgora raddoppia con Raiz, bravo a indovinare il bersaglio grosso dall’interno dell’area. Ma tale marcatura serve soltanto per le statistiche. Il direttore di gara, subito dopo, sancisce la fine dell’ostilità. Il Racing Club, dunque, prolunga con pieno merito la striscia vincente in uno dei tornei più importanti dell’Agro Pontino. La società ardeatina, a conferma di una schiacciante superiorità tecnico-tattica, ha ricevuto dagli organizzatori anche tre riconoscimenti individuali. Mister Cipriani è stato premiato come miglior allenatore, Andrea Recupero ha vinto il titolo di capocannoniere e, infine, Valerio Samà ha conquistato la palma di miglior portiere. “Abbiamo dimostrato anche nella finalissima con il Borgo Podgora tutto il nostro valore - sottolinea Antonio Pezone, presidente del Racing Club - . Colgo l’occasione per fare i complimenti ai ragazzi, i quali si sono imposti di larga misura pur giocando più di un tempo in inferiorità numerica. La nostra speranza è che questa vittoria faccia da traino agli Esordienti e ai Giovanissimi. Siamo in corsa su altri due fronti. Sarebbe veramente fantastico realizzare il ‘triplete’. La strada, però, è ancora molto lunga e ricca di insidie…”.