Notizie
Categorie: Calcio a 5 - C/5 Nazionali

Pokerissimo Napoli, la Lazio si arrende

I biancocelesti si portano per due volte in vantaggio, ma crollano nella ripresa e cedono 5-2



NAPOLI-LAZIO 5-2 (1-2 pt)

NAPOLI Massafra, Rotella, Bolo, Botta, Vega, Rodriguez, Botteghin, Bico, D'Aniello, De Bail, Milucci, Fornari ALLENATORE Cipolla

LAZIO Patrizi, Schirone, Gioia, Juninho, Sachet, Nardacchione, Fortini, Pol Pacheco, Escosteguy, Rocha, D. Chilelli, T. Chilelli ALLENATORE Mannino

MARCATORI 3'46'' pt Nardacchione (L), 5'30'' Botta (N), 15'46'' Rocha (L), 4'30'' st Bico (N), 8'33'' Fornari (N), 9'04'' Botta (N), 17'45'' Fornari (N) 

NOTE AMMONITI D. Chilelli (L), Juninho (L), Rocha (L)ESPULSI: 15'35'' Rocha (L) per somma di ammonizioni 

ARBITRI Prisma (Crotone), Mezzadri (Parma)

CRONO Miranda (Castellammare di Stabia)


Image titleLa Lazio chiude avanti 2-1 il primo tempo, ma viene rimontata dal Napoli nello scontro salvezza della sedicesima giornata. Una sconfitta che lascia la Lazio in penultima posizione, stavolta da sola vista la vittoria della Luparense sul Corigliano e con il Napoli che risale a -2.


Primo tempo. In avvio di partita subito doppia occasione per il Napoli: prima Vega scheggia il palo esterno, poi Patrizi si salva su Bico. Al terzo minuto, però, passa avanti la Lazio: break di Nardacchione, veronica ad eludere un avversario, duetto con Pacheco e Rotella battuto per l'1-0. Un paio di minuti dopo, però, gli azzurri pareggiano su schema da calcio di punizione grazie al capitano Vincenzo Botta. Ristabilita la parità nel punteggio, la gara resta equilibrata, anche se è il Napoli a crearsi le occasioni migliori: prima un super Patrizi su Fornari, poi un insolito errore di De Bail non smuovono l'1-1. Serve una magia ed è quella che pesca dal cilindro Sergio Rocha che, con una rovesciata, sorprende Rotella per il nuovo vantaggio biancoceleste. All'intervallo è 1-2 per la Lazio.


Secondo tempo. Dopo l'iniezione di fiducia dei primi 20', la Lazio sogna la terza vittoria stagionale. Non è così. Il Napoli riparte forte e al primo vero affondo trova il pari con Bico Pelentir dopo 4' della ripresa. Pacheco ha sui piedi il pallone per riportare in avanti la Lazio, ma il suo diagonale mancino termina largo di poco. Duecentoquaranta secondi più tardi, Fornari approfitta di una dormita difensiva e porta avanti il Napoli per la prima volta nel match: è il colpo che fa vacillare i biancocelesti e la rete trenta secondi dopo di Botta manda al tappeto la Lazio. Sotto 4-2 Mannino inserisce il portiere di movimento a 6' dal termine, con Sachet e Chilelli che vanno vicini al gol che riaprirebbe l'incontro. Tuttavia, nel momento decisivo e del massimo sforzo, Rocha viene espulso per somma di ammonizioni e in superiorità numerica Fornari mette dentro il 5-2 definitivo. Finisce con un'altra sconfitta. Tutto già visto, troppe volte in questa stagione, una pellicola che si ripropone per l'ennesima volta, il solito film: il primo tempo ottimo, la ripresa non all'altezza, l'espulsione nel momento clou che indirizza definitivamente il match, la sconfitta inevitabile.