Notizie
Categorie: Dilettanti - Serie D

Poule Scudetto: la Lupa Roma comincia alla grande. Tajarol e Capodaglio stendono il Savoia di Feola in rimonta

Cominciano bene i campani che sbloccano subito il risultato con Manzo, ma nella seconda frazione i ragazzi di Cucciari reagiscono e ribaltano tutto nel finale




Non poteva iniziare meglio la poule Scudetto per la Lupa Roma di mister Cucciari che nel match di esordio fa fuori la formazione del Savoia per 2-1 al termine di un match al cardiopalma risolto soltanto nei minuti finali. Con questo risultato la formazione campana saluta la competizione tricolore ed ora si aspetta soltanto il big match contro il Matera nella quale la Lupa Roma ha due risultati a disposizione per continuare a sognare. Il pronti via è dei più traumatici per l’undici di Cucciari che dopo poco più di cinque minuti è già sotto: calcio d’angolo affidato a scarpa che disegna una traiettoria perfetta per la zuccata vincente di Manzo e Di Loreti non può nulla: 0-1. Gol a freddo che fa male alla Lupa che nel primo tempo non riesce a trovare il bandolo della matassa e per poco non rischia il colpo del ko in due circostanze da Esposito, fermato soltanto da uno straordinario Di Loreti che ha letteralmente tenuto a galla i suoi. E’ una gara difficile e lo sapevamo, ma serve la Lupa Roma che tutti conosciamo e finalmente la rivediamo nella seconda frazione. Cucciari azzecca i cambi e finalmente la squadra comincia a girare: al 15’ è clamorosa l’occasione per Tajarol che si presenta a tu per tu con il portiere, ma Maiellaro nega la gioia del gol all’attaccante deviando in angolo. Adesso però la storia della partita è cambiata, la Lupa ci crede e si riversa nella metà campo ospite. Episodio decisivo all’80’ quando Mocerino stende in area Masciantonio e per l’arbitro non ci sono dubbi. Calcio di rigore. Dagli undici metri va Tajarol che non sbaglia: 1-1. Adesso il team di Cucciari vuole la vittoria e a quattro minuti dalla fine sale in cattedra Capodaglio che con una punizione magistrale infila il pallone esattamente dove il portiere non può arrivare ovvero l’incrocio dei pali. Trovato il vantaggio è il momento di amministrare e dopo quattro minuti di recupero l’arbitro decreta la fine: il Savoia s’inchina al Desideri.

                                                                                                                                                                

LUPA ROMA – SAVOIA 2-1

MARCATORI Manzo7’pt (S), Tajarol rig 36’st (LR), Capodaglio 41’st (LR)

LUPA ROMA Di Loreti, Pasqualoni, Celli, Capodaglio, Bova, Campobasso (15’st Tajarol), Neri (45’pt Scibilia), Raffaello, Leccese, Morini (31’st Masciantonio), Cerrai PANCHINA Di Filippo, Forti, Sentinelli, Crescenzo, Luciani, Chiesa ALLENATORE Cucciari

SAVOIA Maiellaro, Petricciuolo, Manzo, Terraciano, Mocerino, De Liguori, Tiscione, Ruscio (37’stLongo), Del Sorbo (36’st Meloni), Scarpa, Esposito PANCHINA Rinaldi, Criscuolo, Stendardo, Di Pietro, Viscovo, Caretenuto, Johnson ALLENATORE Feola

ARBITRO Vingo di Pisa

NOTE Ammoniti Neri, Pasqualoni, Mocerino, Ruscio, Scarpa Angoli 3-9.