Notizie

Praeneste in goleada, schiantato il Segni

La formazione di Lunardini conquista i tre punti con un perentorio 8-2



PRAENESTE - SEGNI 8 - 2

MARCATORI 9’pt Macaluso (P), 19’pt Protasi (P), 26’pt Macaluso (P), 30’pt Macaluso (P), 33’pt Antonelli (P), 36’pt Luciani aut. (S), 40’pt De Paolis (S), 25’st G.Niola (P), 27’st Macaluso (P), 45’st Vinci (P)

PRAENESTE Moretti, N.Niola, Mattogno, Tartaglia(26’ st Bylyshi), Luciani, Vitrano, Protasi, Capristo, Antonelli(26’ st Vinci), Macaluso(30’ st Puliti), G.Niola PANCHINA Marcellitto, Laurelli, Martini, Pinci ALLENATORE Lunardini

SEGNI Lorenzi, M.Colaiori, L.Di Meo, S.Di Meo, Pucello, Gagliarducci, Camaglia, Amadio (30’ st Ricelli), De Paolis, Centra (30’ st Ferrazza), Colaiacomo (22’ pt Masamba) PANCHINA Vittori, Paluzzi, Santonico

AMMONITI Centra, Pucello, L.Di Meo, Camaglia.

ARBITRI Rocco Aceti di Cassino

Praeneste

Praeneste prova a ripartire ospitando il fanalino di coda Segni finora sempre sconfitto. Lunardini deve ancora fare di necessità virtù ma può recuperare alcuni pezzi, e l’avvio dei suoi ragazzi lo conforta. Infatti dopo soli nove minuti il match si sblocca, grazie a G.Niola che cattura una palla vacante spingendo l’incursione e servendo Macaluso appostato al limite, destro secco ad incrociare e 1-0. Rotto il ghiaccio il Praeneste può dilagare, Segni oppone poca resistenza al bel gioco arancio verde, il raddoppio arriva dieci minuti dopo su calcio d’angolo, breve mischia risolta con la punta del piede da Protasi, che coglie anche lui il primo gol stagionale. Al 26° è già finita, Macaluso raccoglie e dribbla due avversari prima di entrare in area e segnare stavolta di sinistro sul secondo palo. Prima disattenzione difensiva con Centra bravo ad approfittare per servire in area l’accorrente Centra ma la punta si divora un gol già fatto. Si ritorna a pressare nella metà campo degli ospiti e prima Lorenzi deve toccare un colpo di testa di un compagno per evitare l’autorete, il palo salva il Segni ma non può nulla sul nuovo scambio G.Niola-Macaluso che porta la punta a sfoderare la tripletta, destro preciso da posizione defilata. Pokerissimo firmato invece da Antonelli bravo a seguire l’azione avviata da Macaluso e rifinita da Protasi, tocco a porta vuota per il 5-0. Sul finire di primo tempo il Praeneste ravviva da solo la contesa, con sviste in difesa fatali. Al 36° Luciani colpisce male di testa indirizzando verso la propria porta, Moretti è sorpreso e si fa scavalcare. Quattro minuti ancora e un retropassaggio di Mattogno trova De Paolis che stava rientrando dal fondo campo, tocco ad evitare il portiere e 5-2 a porta sguarnita. Regali da non ripetere e nel secondo tempo lo spettacolo scende in maniera palese, il Praeneste si limita all’essenziale, il Segni ci prova con tutto l’orgoglio, tentando anche qualche tiro dalla distanza ma non riuscendo a creare grossi pericoli. Per ritrovare spunti degni di nota bisogna volare alla seconda metà della frazione, Macaluso vola in contropiede e supera Lorenzi in pallonetto, la palla però prima rimbalza sul terreno e poi si stampa sulla traversa. 6-2 rimandato solo di due minuti, corner sfruttato al meglio con una lunga mischia e al terzo tentativo G.Niola pesca il varco giusto. Il risultato tennistico si allarga con un’altra scorribanda di Protasi, partito stavolta in netto offside, e l’assist per Macaluso significa anche il poker della punta prenestina. Si gioca ancora fino al novantesimo con qualche azione creata da ambo le parti, ma si aspetta solo il fischio finale. Esordio per il giovanissimo Puliti ma a chiudere il conto è Vinci, di nuovo invitato al tiro da Protasi. Il tocco morbido all’altezza del dischetto scavalca Lorenzi e consegna agli archivi l’8-2. Il Praeneste eguaglia il record dello scarto di reti ma relega agli annales la vittoria col più ampio numero di reti segnati. Ed ora c’è Castelverde.