Notizie
Categorie: Calcio a 5 - C/5 Nazionali

Prato Rinaldo, l'amaro in bocca di mister Baldelli

Il tecnico gialloblu parla dopo l'eliminazione dai play off contro la Maran Nursia



Manuel BaldelliAlzi la mano chi è riuscito a dormire ieri dopo quell'incredibile sfida di ritorno con la Maran Nursia. Certamente non lo ha fatto, per sua stessa ammissione, Manuel Baldelli, mister del Prato Rinaldo e suo malgrado eliminato dopo il 2-2 del PalaRota. Un'eliminazione ingiusta, perché i gialloblù hanno dimostrato di poter valere tranquillamente il passaggio del turno e sono stati condannati dal regolamento che, in caso di parità di risultato al termine delle due sfide, premia la squadra meglio piazzata in classifica al termine della stagione regolare. Peccato che senza quei sei punti di penalizzazione, cioè sul campo, il Prato Rinaldo sia arrivato davvero sopra il Nursia. Una beffa in piena regola. 

“Ho ripensato alla prestazione incredibile che abbiamo fatto. Nel 99,9% dei casi ci si prende il passaggio del turno, non è stato così – racconta Baldelli -. Lo stesso Nursia, al termine della gara ci ha fatto i complimenti e dichiarato che avremmo meritato noi. Sentire tutto il palazzetto che osanna Barigelli è qualcosa di significativo. Abbiamo attaccato parecchio, creato tantissimo, ma non è bastato. Ho stretto la mano ai ragazzi, uno per uno, perché sono stati esemplari durante tutto l'anno, ieri ancora di più. Fare una partita così, nella quale tutti abbiamo sofferto, giocarcela alla grande e meritare il passaggio del turno... più di così era impossibile. Col senno di poi si possono dire tante cose, ma ieri i giocatori hanno dimostrato di essere uomini veri, dando l'anima, sputando sangue, fino all'ultima goccia di sudore. Non si sono risparmiati e hanno fatto davvero un grande futsal”. 

Quella regola maledetta estromette il Prato Rinaldo dai playoff: “Quei dannati sei punti di penalizzazione ce li siamo portati sul groppone fino all'ultimo. Pensavamo di esserceli scrollati di dosso, purtroppo uscire con due pari è assurdo. Come si fa a non vincere giocando così? C'è tanto della bravura di Barigelli, ma anche un pizzico di sfortuna. Il loro portiere è stato strepitoso, così come lo è stato il nostro: De Filippis ha fatto una grandissima prestazione, di carattere, come tutta la squadra. Purtroppo chi come me fa sport da tanti anni, sa bene che si vince e si perde tanto. Sarà difficile non pensare a questa eliminazione. Passerà il tempo e supereremo anche questa, consapevoli di aver fatto qualcosa di straordinario, dando il massimo. Sono convinto che saremmo potuti arrivare fino alla finale una volta superato l'ostacolo Maran. Ne sono convinto al mille per mille. È dura da mandare giù, a maggior ragione ora che sono un allenatore e non più un giocatore: è tutto più complicato, ma amo talmente tanto quello che faccio, che andremo avanti, provando a fare sempre meglio”.