Notizie
Categorie: Calcio a 5 - C/5 Nazionali

Prato Rinaldo, parla Daniel Taloni: "Ho trovato un ambiente molto sereno e tranquillo"

Intervista all'ex capitano della Carlisport Ariccia: "Ci sono tutti i presupposti per risalire dal -6 iniziale"



Daniel TaloniQuattro anni di Carlisport l'hanno consacrato come uno dei migliori prospetti italiani in circolazione. Daniel Taloni arriva al Prato Rinaldo non più come un giovane che ha bisogno di dimostrare il suo valore, ma come un giocatore vero ed affermato. È anche su di lui che la società gialloblu punta per disputare un campionato di alto profilo. 


Il Prato Rinaldo. “Al Prato Rinaldo ho trovato tanti ragazzi con i quali mi sono sfidato sui campi di tutto il Lazio. La prima impressione è stata quella di un ambiente molto sereno e tranquillo: noi giocatori siamo determinati più che mai nel fare bene. Siamo consci delle nostre potenzialità: sì, possiamo far bene”. Su Taloni si è mosso rapido e deciso Daniele Di Stefano che, da quest'anno ha rivestito il ruolo di dirigente: “Non avendo potuto trovare l'accordo con la Carlisport per questioni lavorative, non ci è voluto molto per trovare un'intesa. Piuttosto ringrazio Di Stefano che conosco da tempo e che mi ha portato qui: so che prima di sentire me aveva contattato la Carlisport facendo sì che la trattativa potesse avviarsi”. 


Crescita e stimoli. Per Taloni gli ultimi anni in maglia ariccina sono stati quelli della consacrazione: “Sono stato 4 anni al Pala Kilgour e la forza che ho sempre avuto sono stati gli stimoli. Non mi sono mai adagiato e questa che arriva è una sfida ulteriore per dimostrare di poter far bene anche al di fuori del contesto di Ariccia, in una squadra con ottimi giocatori. Partiamo con un -6 in classifica e questo sarà uno stimolo maggiore: dopo lo scorso anno nel quale sono arrivato in finale playoff, sarebbe bello provare ad emulare un percorso simile”.  Fondamentale sarà partire bene: “Ci sono tutti i presupposti per risalire, possiamo tornare subito in corsa: forse per la Coppa Italia siamo un po' penalizzati, ma non si sa mai: se riusciremo a fare subito un paio di risultati utili, potremmo anche prendere fiducia”.