Notizie

Primavera: la Lazio si sveglia troppo tardi, il Napoli s'impone 2-1

Capitolini meglio nella ripresa, ma Palombi accorcia le distanze troppo tardi. Bifulco sblocca dopo 3', poi Palmiero firma il raddoppio



Simone Inzaghi, tecnico della Lazio Primavera foto@photosportiva.itMARCATORI Bifulco 3’pt (N), Palmiero 46’pt (N), Palombi 44’st (L)

NAPOLI Contini 6.5, Mangiapia 6.5, Luperto 6.5, Guardiglio 6, Anastasio 5.5, Prezioso 6.5, Palmiero 6.5, Romano 6, Bifulco 6.5 (34’st De Simone 5.5), Liivak 5.5 (8’st Cicerello 6), Persano 6.5 (17’st Selva 6) PANCHINA Gionta, Di Maiolo, Palumbo, Granata, De Masi, Lombardi, De Iorio, Di Fiore ALLENATORE Saurini 

LAZIO De Angelis 6, Dovidio 6, Silvagni 5, Pollace 6, Seck 6, Pace 6 (38’st Rokavec sv), Verkaj 5 (1’st Collarino 6), Murgia 6, Rossi 6, Manoni 6.5 (21’st Borecki 6.5), Palombi 6.5 PANCHINA Cotticelli, Antonucci, Pasqualoni, Quaglia, Capuano ALLENATORE Inzaghi

ARBITRO Strippoli di Bari, 6

ASSISTENTI Lacalamita e Viola

NOTE Ammoniti Manoni, Prezioso, Cicerello, Borecki, De Simone Rec. 2’pt, 5’st Angoli 5-3


Esordio indigesto per la Lazio di Simone Inzaghi che esce sconfitta dal faccia a faccia contro il Napoli di Saurini al termine di una partita molto combattuta, che i biancocelesti sono riusciti a tenere viva fino all’ultimo istante di gioco. Un match subito in salita dopo il gol in avvio di Bifulco e il raddoppio partenopeo allo scadere del primo tempo; nella ripresa grazie agli accorgimenti tattici di Inzaghi la Lazio è cresciuta, ma accorciando le distanze quando ormai era troppo tardi. La squadra capitolina avrà l’occasione di riscattarsi già mercoledì prossimo quando a Formello verrà recuperata la sfida della prima giornata contro il Vicenza.

Il capitano della Lazio Silvagni foto©photosportiva.it

Subito Napoli. Neanche il tempo di prendersi le misure che i padroni di casa passano in vantaggio: lancio dalle retrovie di Luperto, Silvagni manca a sorpresa il colpo di testa favorendo l’incursione di Bifulco che, a tu per tu con De Angelis, non sbaglia. Un approccio devastante della squadra di Saurini, complice anche l’intensità di gioco del centrocampo e una retroguardia, quella laziale, decisamente da rivedere nei meccanismi, che vanno ancora ben oliati. Al quarto d’ora gli ospiti si affacciano nella metà campo avversaria: Pace sventaglia sulla destra per Pollace che appoggia subito per Manoni, l’esterno guarda in mezzo e mette un insidioso traversone al centro dell’area, dove Palombi da posizione ravvicinata calcia su Contini. Due minuti dopo è Manoni da posizione defilata ad impegnare seriamente il portiere partenopeo, ancora una volta reattivo nel deviare in angolo. Al 20’pt i padroni di casa sfiorano il raddoppio: grande respinta di De Angelis su Persano, Seck è bravo a spazzare un attimo primo dell’arrivo dei biancazzurri. L’impegno del Napoli si concretizza nel finale del primo tempo: Palmiero dalla bandierina serve Anastasio che cerca Persano, l’attaccante azzarda una rovesciata che si trasforma in un assist per il capitano partenopeo che, da posizione defilata, infila De Angelis grazie a una deviazione di Manoni.


Secondo tempo. Inzaghi richiama in panchina un evanescente Verkaj inserendo un più vivace Collarino che si posizione esterno alto, Manoni scala invece sulla linea dei centrocampisti. La Lazio si dimostra più intraprendente rispetto al primo tempo, alzando il proprio baricentro e rosicchiando metri importanti ai partenopei. Al 14’st bella azione degli ospiti: Pollace serve sulla destra Collarino, cross al centro per Rossi che addomestica e tira al volo. Contini blocca senza problemi. Un minuto dopo ancora l’attaccante della Lazio si rende pericoloso servito da Seck, la sua conclusione rasoterra termina sul fondo. Il Napoli non riesce più a creare gioco e al 31’st gli ospiti sfiorano il primo gol: lancio in profondità di Borecki per Palombi che si defila sulla destra e tira a incrociare, Contini è attento e in uscita devia in angolo. La Lazio si riversa in avanti nella speranza di riaprire la partita, ma allo stesso tempo lascia spazi importanti alle ripartenze del Napoli: è il caso di De Simone che sfrutta nel peggiore dei modi una nitida occasiona da rete, il neo entrato solo davanti a De Angelis calcia a lato. A un minuto dalla fine dei tempi regolamentari arriva il gol della squadra di Inzaghi: Murgia crossa in area per Palombi che svetta di testa e scavalca Contini accorciando le distanze. Nelrecupero il Napoli potrebbe chiudere definitivamente la contesa con un sorprendente colpo di tacco al volo di Silva che batte il portiere della Lazio, ma l’arbitro pugliese Strippoli annulla per fuorigioco. Il triplice fischio sancisce la vittoria del Napoli, che ottiene così la prima vittoria in campionato; appuntamento invece rimandato per la Lazio che mercoledì prossimo cercherà di raccogliere i primi punti stagionali nel recupero contro ilVicenza.