Notizie

Primavera: la Roma non si ferma, espugnata Catania grazie ad un super Verde

Dopo l'esordio positivo nella UEFA Youth League arriva la terza vittoria consecutiva in campionato



Super Verde, l'esterno giallorosso autore di una prova straordinaria foto©photosportiva.itMARCATORI Verde 7’pt, Parisi 23’pt aut., Soleri 23’st

CATANIA Matosevic 5.5, Parisi 5, Ramos 5, Sessa 6 (28’st Bonaccorso sv), Berezny 5.5, Carillo 5.5, Di Grazia 6, Gallo 5.5, Bortolussi 5.5 (21’st Scarpellato 6), Garufi 5.5 (39’st Compagno sv), Rossetti 5.5 PANCHINA Costanzo, Di Maio, Rescigno, Di Mauro, Ostrek, Cozza, Battaglia, Di Carlo ALLENATORE Pulvirenti

ROMA Marchegiani 7, Paolelli 6.5, Sammartino 6.5, Capradossi 6.5, Marchizza 6.5 (33’st De Santis E. sv), Vasco 6.5, Ferri 6 (15’st Di Mariano 6), Pellegrini 6.5, Calì 6 (15’st Soleri 6.5), Adamo 7, Verde 8 PANCHINA Pop, Belvisi, Anocic, Ciavattini, D’Urso, Di Livio, Ndoj, Ricozzi ALLENATORE De Rossi

ARBITRO Guarino di Caltanissetta

ASSISTENTI Vitiello di Torre del Greco e Della Vecchia di Avellino

Note ammoniti Vasco, Marchizza Angolo 4-4 Rec 2’pt, 4’st


Continua lo straordinario inizio di stagione della Roma di Alberto De Rossi. Anche in terra etnea non c’è stata partita, con i giallorossi che ottengono il quarto successo consecutivo dopo le prime due vittorie in campionato e l’esordio positivo nella UEFA Youth League di mercoledì scorso. A suonare la carica, ancora una volta, il primo attore di questa Roma, un Daniele Verde in condizioni fantastiche: dribbling, controllo, velocità, tiro poderoso. E’ proprio lui a sbloccare la gara a sette minuti dall’inizio del match e dopo aver già colpito un palo con un rasoterra incrociato, l’esterno sale in cattedra con un gran sinistro a girare che s’insacca sul legno più lontano. Approccio devastante della Roma che fin dai primi minuti mette alle corde gli etnei, che nella prima frazione non riescono mai a controbattere allo strapotere giallorosso. Al 23’pt clamoroso raddoppio romanista: cross dalla destra del solito indemoniato Verde, sul secondo palo arriva il terzino destro etneo Parisi che di testa insacca alle spalle del proprio portiere. Il 2-0 stende i padroni di casa che non riescono mai a impensierire la porta difesa da Marchegiani, solo Bortolussi allo scadere trova lo spazio per concludere a rete, ma la sfera finisce di poco a lato. Nel secondo tempo il Catania prova a raddrizzare la partita e fin da subito si dimostra più intraprendente confronto ai primi 45’ di gioco. Neanche sessanta secondi che gli etnei confezionano un’ottima azione con Garupi: l’attaccante si ritrova solo davanti al portiere, ma Marchegiani compie una grande parata. Un quarto d’ora dopo è Parisi a prendere l’iniziativa: discesa personale del terzino, dalla sua metà campo s’invola verso la porta avversaria ma la conclusione sotto porta viene neutralizzata dal portierone giallorosso. I siciliani non riescono a scalfire la retroguardia ospite e la Roma chiude definitivamente la gara: ennesimo pallone al bacio messo in mezzo all’area di Verde, il neo entrato Soleri svetta di testa e infilza Matosevic. Il terzo gol romanista sancisce la fine di una partita a senso unico che conferma lo stato di grazia di un gruppo finora formidabile, migliore in campo (ancora una volta) Daniele Verde, autore di una prestazione eccezionale. E chissà se questa Primavera possa cominciargli a stare un po’ stretta…