Notizie

Primi risvolti giudiziari per il caso delle “baby squillo” dei Parioli. Il procuratore aggiunto di Roma ha chiesto 16 anni e mezzo per Ieni

La richiesta è stata motivata indicando Ieni come persona dalla capacità criminale pericolosa



Image titlePrimi risvolti giudiziari per il caso delle “baby squillo”dei Parioli. Il procuratore aggiunto di Roma Maria Monteleone ha avanzato unarichiesta di reclusione per 16 anni e mezzo nei confronti di Mirko Ieni,ritenuto il principale responsabile del giro di prostituzione che ha coinvoltodelle ragazze minorenni. La richiesta è stata motivata indicando Ieni comepersona dalla capacità criminale pericolosa. Nelmuovere la richiesta di pena per Ieni al Gup Costantino De Robbio, laMonteleone ha usato toni molto duri per rinforzarne la motivazione, portandoanche un'intercettazione telefonica per rinforzare la sua tesi. Un passocardine dell'intercettazione è quello in cui Ieni ammette di avere due ragazzeche gli fanno guadagnare 600 euro al giorno. Richieste di carcerazioneanche per la madre delle due ragazze (6 anni),accusata di sfruttamento della prostituzione mentre è di otto mesi è la penarichiesta per uno dei clienti, Gianluca Sammarone. Infine, sempre laMonteleone, ha sollecitato la richiesta di quattro anni di reclusione perl'imprenditore Marco Galluzzo, accusato di aver venduto cocaina in cambio diprestazioni sessuali.