Notizie
Categorie: Nazionali - under 17

Pronti, partenza, stop: solo un pari per la Roma all'esordio contro L'Aquila

Avvio deludente per i Lega Pro di Rubinacci che impattano sull'1-1 contro la formazione abruzzese. Il gol di Meadows in corso di ripresa ha evitato guai peggiori



ROMA – L'AQUILA 1 – 1  
MARCATORI Ratta 17' pt (A) , Meadows 13' st (R)
ROMA Assi 6, Testa 5.5 (33' st Amadio sv), Spirito 6, Valeau 6, Kastrati 6, Cargnelluti 5.5, D'agostino 5.5 (1' st Meadows 7), Petruccelli 6, Sabatini 5.5 (1' st Muzzi 6), Squerzanti 6 (18' st Scimia 5.5), Cappa 6.5 (25' st Montella 6) PANCHINA Fontebuoni, Tinti, Oberrauch, Olivetti ALLENATORE Rubinacci
L'AQUILA Funari 6.5, Fiaschetti 6.5, Ciuffini 6 (6' st Digiaberardino 6), Ruggini 6, Cotturone 6.5, Gubello 6, Sadotti 6 (31' st Bianchi 6), Cittadoni 7, Mazzaferro 6.5, Marchetti 6.5, Ratta 7 PANCHINA Izzo, Sparavigna, Lazzari, Montemurro, Giorgi, Cingolani, Tubani ALLENATORE Savino
ARBITRO Citarella di Matera Assistenti Conti di Roma 2 e Canale di Cassino
NOTE Ammoniti Petruccelli, Fiaschetti, Mazzaferro Angoli 4 – 3 Rec. 1' pt, 5' st       


Meadows, autore del gol giallorosso ©Gazzetta RegionalePrima giornata di Allievi Lega Pro e subito prima sorpresa. La Roma viene fermata sul pareggio da L'Aquila, in un match che ha visto gli ospiti, per larghi tratti, giocare un calcio piacevole e gagliardo. La formazione messa in campo da Mister Savino risponde alla grande alle prerogative della stessa: difesa accorta, rocciosi a centrocampo e ripartenze veloci. La Roma si è ritrovata incagliata nella rete aquilana parecchie volte, non riuscendo ad oltre passare il muro della difesa avversaria. I rossoneri si sono schierati con un 5–3-2 dinamico solo dal centrocampo in su, con i cinque di difesa bloccati stabilmente nella propria metà campo. È stato proprio questo uno dei fattori che più ha messo in difficoltà i ragazzi di Rubinacci, nonostante alcune buonissime occasioni capitate in particolar modo nei primi quaranta minuti di gioco. La ripresa ha visto senza dubbio una Roma più presente nella metà campo avversaria, aiutata dai cambi che hanno aumentato il tasso tecnico della squadra, senza però riuscire ad imporsi con una squadra organizzata alla perfezione.  
Primo tempo. E' L'Aquila a partire meglio. Dopo appena cinque minuti, infatti, è Mazzaferro che per poco non trova la rete del vantaggio. Il numero nove scatta sul filo del fuorigioco trovandosi a tu per tu con Assi, calciando di un soffio a lato. La Roma risponde al decimo,  quando prima D'Agostino e poi Squerzanti si trovano di fronte un grandissimo Funari che gli strozza in gola il grido d'esultanza. La manovra aquilana è efficace ed ordinata, la Roma subisce questa organizzazione e al diciassettesimo va sotto di un gol grazie alla super rete di Ratta, autore di un destro dai 35 metri che si infila sotto la traversa, scavalcando Assi. La Roma reagisce confusamente, concludendo a rete e rendendosi pericolosa più volte. Una su tutte è l'occasione capitata sui piedi di Cappa, quando il suo tocco sotto col sinistro finisce in rete subito prima dell'annullamento dell'azione causa fuorigioco. L'Aquila torna quindi negli spogliatoi con una sorprendente segnature di vantaggio.
La ripresa. Gli ospiti ripartono di nuovo all'attacco, rischiando di raddoppiare dopo una manciata di minuti, se solo Mazzaferro non avesse calciato su Assi, a pochi centimetri dalla porta. Nella Roma entrano Muzzi e Meadows, con quest'ultimo che trova il gol del pareggio al tredicesimo: punizione dalla destra di Cappa, Meadows si inserisce sul primo palo e col destro trafigge un incolpevole Funari. Uno a uno e partita che si stagna su questo risultato, nonostante altre buone occasioni per i giallorossi di acciuffare i tre punti. Soddisfatti i rossoblu con il proprio allenatore Savino in testa. Meno contento Rubinacci che sicuramente aveva immaginato un inizio di campionato ben diverso.