Notizie
Categorie: Nazionali - under 17

Quanto sei grande Roma! Milan ko in rimonta: è finale!

Straordinaria semifinale dei giallorossi di Coppitelli che vanno sotto di due gol nel primo tempo ma in rimonta calano un tris da brividi e si prendono il pass per l'ultimo atto contro l'Empoli



MILAN – ROMA 2-3
MARCATORI 29'pt Hamadi (M), 32'pt Cutrone (M), 35'pt e 28'st Tumminello (R), 7'st Marchizza (R)
MILAN Donnarumma, Hadsidsmanovic, Llamas, Malberti, De Piano (41'st Gabbia), El Hilali, Hamadi, Zanellato, Cutrone, Locatelli, La Ferrara (25'st Agnero) PANCHINA Crosta, Zucchetti, Altare, Ndiaye, Zhikov, Careccia, Modic ALLENATORE Monguzzi
ROMA Crisanto, Tofanari, Pellegrini, Ciavattini (31'st Kastrati), Grossi, Marchizza, D'Alena (31'st Spinozzi), Marcucci, Tumminello (35'st Odianose), Bordin (39'st Valeau), Di Nolfo (11'st Antonucci) PANCHINA Romagnoli, Kastrati, Costanzo, Franchi, Cappa ALLENATORE Coppitelli
ARBITRO Meocci di Siena Assistenti Gini di Pontedera e Barsocchini di Lucca
NOTE Ammoniti Donnarumma, Locatelli Angoli 2-1 Rec. 1'pt

Spinozzi e Tofanari esultano a fine partita ©Gazzetta RegionaleBellissima. Semplicemente bellissima. Cosa? Un po' tutto. La Roma, la partita e una qualificazione difficile da dimenticare. I giallorossi dopo una partita pazzesca contro il Milan si aggiudicano l'accesso alla finalissima. Dopo essere andati sotto 2-0 nel primo tempo, i ragazzi di Coppitelli si rimettono in corsa e con la rabbia, con la consapevolezza di essere grandi e strappano dalle mani del diavolo il pass per l'ultimo atto nella ripresa. Tumminello, Marchizza, Tumminello: come una filostrocca, come una poesia. Ovviamente bellissima, come la strada per andarsi a prendere il tricolore.

La quiete... Coppitelli tiene in panchina Antonucci e vara il 4-4-2 con il rombo: Bordin è il vertice alto. Davanti Di Nolfo e Tumminello. Subito brivido al 7': Donnarumma per anticipare Di Nolfo in volata prende la palla fuori area con la mano, punizione battuta da Bordin che però viene deviata in extremis dalla barriera. Più Roma che Milan nei primi minuti e al 16' va clamorosamente vicina al vantaggio: gran contropiede dei giallorossi sull'asse Pellegrini-Marcucci, Lllamas colpisce male di testa e apre una prateria per Tumminello che tutto solo davanti a Donnarumma si fa ipnotizzare dall'estremo difensore meneghino, bravo a stoppare subito il suo tentativo di pallonetto. Con il passare dei minuti il Milan prova a prendere campo e mette in apprensione i ragazzi di Coppitelli che però quando ripartono fanno tremare la compassata retroguardia rossonera. Infatti al 27' i ragazzi di Monguzzi rischiano ancora di capitolare: Di Nolfo se ne va in contropiede, si beve i difensori ma tutto solo calcia fuori.

Marco Tumminello, anche oggi decisivo ©Gazzetta Regionale... e la tempesta. Il calcio è strano e appena può ti punisce: il Milan al 29' passa in vantaggio. Locatelli crossa dalla sinistra e al centro a rimorchio arriva Hamadi che colpisce male, ma tanto basta per spiazzare Crisanto centralmente. L'incubo però ci mette tre minuti a consumarsi: Marchizza sbaglia un controllo, ne approfitta Hamadi che lancia Zanellato, Ciavattini per fermarlo lo stende da dietro ed è rigore. Dal dischetto Cutrone non sbaglia ed il Milan è addirittura avanti di due gol. La partita si incendia, la Roma riparte con la forza della disperazione e in tre minuti la riapre: cross in area per D'Alena che alza il pallone in girata, il più lesto di tutti ad anticipare il rimbalzo della sfera è bomber Tumminello: mezza rovesciata da applausi e palla in rete. I giallorossi continuano a correre alla ricerca del pareggio e al 39' Tumminello viene lanciato in contropiede ma il guardialinee lo ferma per un fuorigioco inesistente.

Secondo tempo: delirio Roma! Pronti-via e il Milan sfiora subito il tris: Llamas pesca Locatelli sull'out sinistro, l'attaccante si sposta la palla sul destro ma il suo tiro sfiora il primo palo. La Roma però c'è, rialza la voce e stordisce il Milan: sugli sviluppi di un corner la palla danza in area e arriva sui piedi di Marchizza, il gigante non ci pensa su due volte. Bordata impressionante sotto la traversa, Donnarumma immobile, rimonta completata: 2-2 Roma, più che meritato. I giallorossi continuano a far paura quando attaccano ma peccano d'imprecisione. Antonucci appena entrato pesca sul filo del fuorigioco D'Alena che però è poco freddo e di prima con il piattone esalta i riflessi dell'estremo difensore rossonero. La Roma poi tira un po' il fiato e lascia più spazio al Milan che si avvicina troppo spesso pericolosamente all'area di rigore capitolina. La Roma però ha più di una vita, lo ha dimostrato già in stagione e lo mette in mostra anche a San Quirico. Ripartenza di Pellegrini che viene atterrato al limite dell'area. Sul pallone va Bordin che finta il tiro, appoggia per Antonucci al limite il quale tocca splendidamente dentro per Tumminello: tanta grazia per il bomber che non perdona. Sinistro a duecento all'ora sotto la traversa. La Roma è in estasi, la Roma è in vantaggio, la rimonta è completata: 3-2. Nel finale il Milan attacca, i giallorossi difendono il minimo vantaggio e stringono i denti. Al 40' è Crisanto a prendersi gli applausi: palla nell'area romanista, colpo di testa in corsa di Zanellato e miracolo del portiere che regala alla Roma la finale contro Empoli. Una finale da impazzire, da godere dall'inizio alla fine e, ovviamente, bellissima.