Notizie

Quattro mesi di viaggio nel Barocco della Capitale

Una vera e propria operazione culturale per la valorizzazione del patrimonio storico, artistico e architettonico barocco della città e del territorio



Image titleIl Barocco protagonista a Roma. Una delle tappe è l’esposizione ospitata a Palazzo Braschi: Feste barocche ‘per inciso’. Immagini della festa a Roma nelle stampe del Seicento, sezione distaccata della mostra Barocco a Roma. La meraviglia delle artiallestita a Palazzo Cipolla. Una vera e propria operazione culturale per la valorizzazione del patrimonio storico, artistico e architettonico barocco della città e del territorio, promossa dalla Fondazione Roma e organizzata dalla Fondazione Roma - Arte - Musei. I percorsi espositivi aprono al pubblico fino al 26 luglio.

L’esposizione a Palazzo Cipolla offre ai visitatori circa 200 opere tra dipinti, sculture, disegni, oggetti e rappresenta un’occasione di conoscenza del periodo Barocco romano e dei suoi protagonisti. Molti furono gli artisti, italiani e stranieri che vissero a Roma, centro culturale del mondo nel Seicento. Al percorso espositivo sono collegati altri itinerari esclusivi, tour tematici, visite speciali, mostre di approfondimento, giornate di studio e concerti.

Tra questi la mostra a Palazzo Braschi, Feste barocche, che presenta incisioni realizzate dagli artisti dell’epoca, con le quali si immortalavano avvenimenti storici, cerimonie ed eventi, come il Carnevale lungo il Corso. Il percorso espositivo si snoda in cinque sezioni che illustrano i temi principali delle occasioni di festa a Roma nel Seicento: Cavalcate e possessi , Cortei e apparati funebri, Carnevale e Quarantore, Feste religiose, Altre occasioni di festa.

A corollario della mostra a Palazzo Braschi sono in programma tre lezioni teorico-pratiche sulla tecnica dell’acquaforte e tre concerti domenicali di musica barocca. Obiettivo, avvicinare il pubblico alla bellezza dell’arte barocca, partendo dalla percezione visiva del segno inciso e da quella sonora della musica del tempo.


Ecco gli appuntamenti: 


Il solco che suona: l’acquaforte in età barocca

Docenti e studenti dell’Accademia di Belle Arti di Roma incontrano il pubblico in lezioni e laboratori dimostrativi sul tema delle tecniche incisorie. Prendendo spunto dalle opere esposte verranno svelati i segreti del processo della stampa d’arte, con riferimenti storici ai grandi maestri di questa tecnica, da Rembrandt a Piranesi e con particolare attenzione al periodo barocco. Tre gli appuntamenti in programma: 22 e 29 aprile, 6 maggio presso il Salone d’onore, al I piano. Ciascun incontro ha la durata di circa 3 ore (dalle 16 alle 19).


Tono su tono

Oltre alla selezione di musiche delle occasioni di festa nel Seicento che accompagneranno il visitatore lungo il percorso espositivo, è in programma un calendario di concerti dal vivo che offrirà al pubblico un’occasione preziosa di ascolto della musica barocca senza alcun sovraprezzo sul biglietto di ingresso. Calendario dei concerti (durata 45 minuti): 17 maggio alle 12 (Salone d’onore al I piano); 7 giugno alle 12 (interno delle sale espositive); 12 luglio alle 12 (Salone d’onore al I piano).