Notizie
Categorie: Giovanili - Giovanissimi

Racing Club, trovato il passo giusto: terzo successo di fila

Dopo la vittoria di misura con il Latina, è soddisfatto mister Marco Chirico: "Il pensiero di salire ancora c’è, ma bisogna ragionare gara dopo gara"



Marco ChiricoI Giovanissimi regionali B del Racing Club hanno preso davvero un bel passo. Nell’ultimo turno la squadra affidata da fine dicembre a mister Marco Chirico ha piegato il Latina per 1-0 (rete decisiva di Di Carlo dopo una decina di minuti) centrando il terzo successo consecutivo e arrampicandosi al sesto posto in classifica al pari del Centro Sportivo Primavera. «Di fronte avevamo una squadra forte che non a caso occupava il secondo posto prima del match contro di noi, ma i ragazzi hanno iniziato molto bene giocando un primo tempo di ottimo livello. Nel secondo gli ospiti hanno rischiato di più cercando di far valere le loro qualità, ma il mio gruppo ha lottato su tutti i palloni e alla fine credo abbia meritato la vittoria». Nel prossimo turno il Racing si recherà a Velletri, sul campo di una squadra che è addirittura a -1 in classifica e che ha 120 gol sul groppone. «Il suggerimento che ho già dato ai ragazzi è quello di preparare la partita guardando la graduatoria al contrario. Guai a noi se sottovalutiamo l’impegno, non sappiamo che tipo di squadra avremo di fronte – dice Chirico – e abbiamo tutto da perdere. Tra l’altro nessuno vince le partite prima di giocarle, ma bisogna comunque dimostrare sul campo la propria superiorità anche perché la vittoria contro il Velletri varrebbe tre punti come quella di domenica scorsa con il Latina». Chirico, al momento del suo approdo sulla panchina del Racing, aveva chiaramente detto di non pensare alla classifica. Certo, dopo due mesi di lavoro la squadra ha scalato posizioni, è tranquilla per ciò che concerne la salvezza e tutto sommato è a “soli” sei punti dal Latina stesso. «I risultati sono il frutto del lavoro settimanale: sono molto soddisfatto delle risposte che mi stanno dando i ragazzi – rimarca Chirico – sia dal punto di vista mentale che dell’impegno. Il pensiero di salire ancora c’è, ma bisogna ragionare gara dopo gara, senza fare troppi calcoli o fissare obiettivi».