Notizie
Categorie: Dilettanti - Serie D

Rappresentativa Serie D pronta per la Viareggio Cup. Belloli: "Puntiamo sui giovani"

Prima assoluta per mister Augusto Gentilini. Il presidente LND: “I ragazzi sono il nostro futuro, continueremo a puntare forte sulla formazione delle nuove leve"



Da sinistra Cericola, Barbiero, il presidente Belloli, Gentilini e BensajaLa Rappresentativa Serie D taglia il traguardo prestigioso dei dieci anni di vita ed altrettanti di partecipazione alla Viareggio Cup, giunta alla 67ª edizione. Si è tenuta oggi a Roma, presso la sede della Lega Nazionale Dilettanti di Piazzale Flaminio, l'ormai tradizionale conferenza stampa di presentazione della selezione arancioblu. A fare gli onori di casa il presidente LND Felice Belloli accompagnato dal segretario generale Massimo Ciaccolini. Per il Dipartimento Interregionale, la struttura che coordina le attività del campionato di Serie D, presenti il coordinatore Luigi Barbiero, i membri del consiglio del dipartimento ed il segretario Mauro de Angelis. La rappresentanza della squadra è stata invece assicurata dal tecnico Augusto Gentilini, dal capitano Nicholas Bensaja (in forza alla Civitanovese) e da Matteo Cericola (centrocampista del San Cesareo). Lo staff e il Dipartimento Interregionale per assemblare la rosa hanno compiuto un lavoro intenso e compresso in poco più di due mesi grazie anche al progetto sperimentale Demetra. Un’iniziativa senza precedenti che si è basata sullo scouting ‘incrociato” focalizzato sui calciatori nati dopo il primo gennaio 1996. L’attività di valutazione, formalizzata attraverso un’apposita scheda, è stata affidata agli esperti e competenti occhi degli allenatori che settimanalmente hanno valutato un calciatore della squadra avversaria. Un percorso che ha portato ad individuare 24 calciatori classe 1996, con quattro fuoriquota del 1995, tutti di proprietà dei club della Serie D. A coordinare il lavoro mister Augusto Gentilini reduce dalla felice esperienza nella scorsa stagione con la neonata Rappresentativa Nazionale Under 16 Dilettanti che ha ben figurato al Torneo Beppe Viola – Arco di Trento, ora alla sua prima assoluta alla guida della meglio gioventù della D. Esordio che Gentilini condivide con il Presidente della Lega Nazionale Dilettanti Felice Belloli al suo primo approccio con la competizione nel nuovo ruolo istituzionale. Tanto entusiasmo per il numero uno della LND che si appresta a vivere questa avventura per la prima volta nella sua nuova veste: “Sono emozionato quasi come questi giovani ragazzi, è buon segno, vuol dire che il campo mi trasmette ancora quelle emozioni che solo il calcio sa regalarti”. Belloli non fa tanti giri di parole: “Ammetto di sognare un grande risultato sul campo per noi ma anche se ciò non si dovesse avverare è importante lasciare il segno al Viareggio per i comportamenti corretti e leali. Ne va dell’immagine del nostro universo”. “Ho visto giocare questa squadra – aggiunge Belloli – e devo dire che i ragazzi hanno il mio stesso temperamento, hanno voglia di vincere, senza timori”. Sollecitato dai giornalisti il Presidente della LND ha allargato il discorso su tutto il movimento dilettantistico: “I giovani sono il nostro futuro, continueremo a puntare forte sulla formazione delle nuove leve. I tagli alla FIGC hanno colpito anche noi ma vi assicuro che non toccheremo gli investimenti sui settori giovanili e le società non dovranno sostenere nessun costo aggiuntivo”.Il Coordinatore del Dipartimento Interregionale Luigi Barbiero ha voluto invece stringere in un abbraccio ideale tutte le componenti della Serie D: “Ringrazio le società per lo spirito di collaborazione dimostrato nel mettere a disposizione i giocatori grazie anche al lavoro di mediazione dei consiglieri del Dipartimento. In soli due mesi siamo riusciti ad assemblare una squadra, merito di Gentilini e del suo staff ma anche del progetto Demetra. Con lo scouting incrociato abbiamo coinvolto gli allenatori recuperando in poco tempo una grande mole d’informazioni sui giocatori”. Barbiero ha chiuso il suo intervento svelando una notizia importante: “In questo nostro cammino ci sta accompagnando un grande professionista e un uomo di spessore come Vincenzo Pincolini. Un preparatore che ha vinto tutto in Italia e nel mondo eppure si è tuffato in questa avventura con l’entusiasmo di un ragazzino. Il suo lavoro e il suo impegno sono un esempio per tutti noi, i ragazzi sono rimasti favorevolmente colpiti”.  Vincenzo Pincolini, coordinatore dei preparatori atletici delle nazionali giovanili del Club Italia, è un vero e proprio guru riconosciuto a livello internazionale. E' stato una delle chiavi dei grandi successi raggiunti dal Milan di Arrigo Sacchi e di Fabio Capello, poi seguito nella sua esperienza alla guida della Roma. Nel suo curriculum compaiono altre tappe importanti come la Nazionale maggiore (USA ’94, Euro ‘96 e Francia ’98), l’Atletico Madrid, l’Inter e il Parma prima di approdare alla Dinamo Kiev dove tutt’ora è il preparatore atletico.E' stata poi la volta di Augusto Gentilini, che ha risposto a tutte le domande dei giornalisti con una calma olimpica che rivela tutto lo spessore del mister: “Non voglio parlare delle difficoltà, non è nel mio dna cercare scuse o scorciatoie altrimenti non avrei accettato questa grande opportunità che voglio vivere fino in fondo. Abbiamo costruito la squadra in due mesi e affrontiamo squadre di prima fascia ma non abbiamo paura, rispettiamo tutti ma non temiamo nessuno”. “Questo è un ottimo gruppo – continua il tecnico – la Serie D offre tanti giovani di talento che non hanno nulla da invidiare ai colleghi delle serie superiori. Questi ragazzi oltre ad avere grandi doti tecniche sono abituati alle pressioni, giocano per obiettivi importanti in piazze esigenti con calciatori smaliziati”. Chiusura per il capitano della Rappresentativa Serie D Nicholas Bensaja. Il centrocampista della Civitanovese è alla sua seconda Viareggio Cup con la D: “La scorsa edizione è stata sfortunata. Non siamo stati inferiori ai nostri avversari. Siamo convinti di far bene, vogliamo dimostrare che i dilettanti non hanno nulla da invidiare ai professionisti”. Dello stesso tenore le parole di Matteo Cericola del San Cesareo: “Questo gruppo è forte, gli avversari dovranno dimostrare sul campo di essere più bravi di noi”.I ragazzi della D faranno il loro esordio martedì 3 febbraio alle ore 15.00 con l’Empoli sul campo dello stadio “Raciti” di Quarrata (Pt). La seconda sfida è in programma giovedì 5 febbraio sempre alle ore 15.00 contro i messicani del Santos Laguna sul terreno di gioco del “Nannotti” di Badesse (SI). Chiusura in grande stile con il Torino sabato 7 alle ore 15.00 al “Bui” di San Giuliano Terme (PI). La gara sarà trasmessa in differita su RaiSport 1 alle ore 17.30. Passano le prime due del girone. Cinque le sostituzioni consentite per squadra in ogni gara. Su 24 ragazzi della Rappresentativa della scorsa edizione ben 13 hanno fatto il fatidico salto tra i professionisti. Nel complesso, dal 2006 al 2014, hanno partecipato al Torneo di Viareggio ben 216 calciatori, quasi l’81% grazie a questa vetrina prestigiosa sono sbarcati in A, B e Lega Pro. Alla luce di questi numeri sarà riproposto per il secondo anno l’appuntamento in video conStorie D Calcio - La passione dei Dilettanti si racconta, un contenitore pensato e ideato per far emergere le storie delle giovani promesse della Serie D. Un programme format, creato ad hoc per i new social media (Facebook, Twitter, Youtube, Web Tv, Instagram) allo scopo di far emergere l’autenticità dei giovani calciatori durante l’esperienza alla Viareggio Cup.