Notizie
Categorie: Giovanili

Real Aurelio, parla Vergine: "I ragazzi prima di tutto"

Il responsabile del settore giovanili ci racconta i primi passi di questa nuova società



Aldo Vergine e Giuseppe Sanchietti“I ragazzi prima di tutto”. E’ questo lo slogan del Real Aurelio, società nata da pochi mesi che si è prefissata un semplice obiettivo: mettere il ragazzo al centro del progetto. Parola di Aldo Vergine, responsabile del settore giovanile del club: “Abbiamo deciso di intraprendere questa strada, di iniziare questa avventura perché siamo spinti da una grande passione. Parlo al plurale perché la società non sarebbe mai nata senza l’aiuto e l’appoggio del presidente Giuseppe Sanchietti”. Il circolo sportivo Mattia Battistini ha aperto le porte e la risposta del pubblico è stata positiva: “Fin dai primi giorni sono arrivati tanti ragazzi – conferma Vergine – In appena due mesi abbiamo superato le settanta iscrizioni ed è un dato che ci fa veramente molto piacere, il nostro obiettivo è arrivare alle 200 unità nel giro di qualche anno”. Una scuola calcio con un progetto serio, con persone che lavorano e con un’affiliazione importante come il Perugia: “Essere affiancati da questa società per noi è un grande onore, vogliamo rivoluzionare il concetto di scuola calcio. Molto spesso nelle società trovi mille figure, direttore sportivo, direttore generale, responsabile dello scouting. Non servono tutte queste persone per fare una scuola calcio. Noi abbiamo scelto un’altra strada: poco organigramma societario e tanta qualità negli allenatori”. E soprattutto tanta sincerità: “E’ inutile dire a questi ragazzi che diventeranno campioni. Qui si divertono, fanno calcio, imparano a stare con gli altri e poi, semmai le capacità tecniche lo permetteranno, faranno il salto di qualità”. Una linea semplice, diretta, quella del Real Aurelio: una nuova realtà pronta a stupire.