Notizie
Categorie: Calcio a 5 - C/5 Femminile

Real Balduina, le certezze di Piattoli: "Possiamo dire la nostra"

Intervista al tecnico bianconero a pochi giorni dal ritorno in campo: "Sarà un 2015 tutto da giocare"



Mister PiattoliIl 2015 del Real Balduina parte dalla sfida in casa del Bellator Ferentum nella prima gara ufficiale di questo nuovo anno che coincide con la prima di ritorno del campionato di Serie C. Prima di tornare a parlare di calcio giocato abbiamo peró incontrato Mister Piattoli per fare un primo bilancio dell`ormai concluso 2014 e delle aspettative per questi prossimi dodici mesi di futsal.


Salve Mister, iniziamo subito con una domanda sul recente passato del Real che in questa prima parte di stagione ha incontrato qualche difficoltá a fare punti. Secondo te a cosa è dovuto questo calo rispetto all`anno scorso?

“Beh, sicuramente parlerei piu´di un mix di fattori. Prima di tutto la sfortuna sia sul campo nelle partite giocate sia per i numerosi infortuni capitati, molti dei quali hanno impedito di lavorare bene durante gli allenamenti e di schierare una formazione titolare. Affrontare le gare con numerose assenze importanti e spesso anche con arbitraggi poco corretti, ha generato qualche sconfitta di troppo molto spesso non meritata. Nonostante questo siamo riusciti a produrre qualcosa di buono su cui continuare a lavorare anche se devo ammettere che sono davvero troppe le volte in cui si assiste a giudici di gara poco equilibrati nelle loro scelte e questo è un punto che va risolto.”


Quest ´anno il campionato si presenta davvero molto equilibrato, sono tante le squadre raccolte in pochi punti e la classifica non preclude nessun obiettivo. Per voi questo cosa significa?

“Una classifica cosí corta e un campionato tutt`altro che chiuso rappresentano allo stesso tempo un vantaggio e uno svantaggio per noi. Sicuramente avere pochi punti di distacco dalla zona alta della classifica ci permette di poter ancora pensare ad un obiettivo importante, ma di contro questo vuol dire che ci sono tante squadre forti e tante partite sofferte da giocare dove fare punti non è mai facile. È un discorso che vale per noi ma anche per tutte le altre societá per cui bisogna giocarsela fino alla fine e poi fare i conti con il proprio posto in classifica.”


Sono cambiati dunque gli obiettivi dichiarati ad inizio stagione, quinto posto e zona play off?

“Per ora il nostro obiettivo principale deve essere quello di tentare la risalita e provare a riagganciare una posizione migliore, dopo di che si puo´pensare di lottare per i play off ma ripeto in un campionato cosí equilibrato è davvero difficile poter fare previsioni sia su noi stessi che su chi ci precede o succede in classifica. Una sola partita puó cambiarne il volto e questo vuol dire che non possiamo mai dare nulla per scontato.”


Il campionato riprenderá da una sfida in casa di un rinnovato Bellator Ferentum, in che modo intendi approcciare questa gara di inizio 2015?

“Parliamo di una societá che in pochissime partite ha conquistato tanti punti che le hanno permesso di risollevarsi da una posizione scomoda e di lottare per i piani alti. Hanno un nuovo allenatore che vanta l`esperienza in Serie A e una rosa che si è arricchita di elementi molto validi dello stesso livello per cui non sará una partita facile per noi che dobbiamo fare i conti con infortuni ancora non recuperati e l`assenza di Orsi che deve scontare la squalifica ma andremo lí per giocarcela come abbiamo sempre fatto sperando di iniziare bene l`anno.”


Volendo quindi riassumere il tuo pensiero su questo 2015  delle bianconere, come vedi il bicchiere?

“Per carattere sono un`ottimista quindi il bicchiere è sempre mezzo pieno, poi se andiamo ad analizzare il girone di andata i nostri punti sono stati conquistati contro le cosiddette grandi mentre con le piccole abbiam fatto piú fatica perdendo tanti punti per strada. Questo ci lascia supporre che abbiamo margine di miglioramento rispetto ai mesi passati e che comunque la rosa ha un buon potenziale anche se ancora inespresso questo anno soprattutto per via dei numerosi acciacchi fisici che stiamo patendo. Il nostro punto debole è la mancanza di cinismo sotto porta, troppe occasioni create e pochi gol e le partite le vince chi segna per cui questo è un punto su cui lavorare sodo sperando di recuperare le infortunate e di ritornare ai nostri livelli.”


In chiusura il coach del Real Balduina dedica un pensiero ad Elisa Mancini, giocatrice che ha ben reso tra le fila bianconere e che abbandona il calcio giocato per motivi lavorativi.

“A lei va il saluto di tutta la societá e del gruppo che sentirá sicuramente la sua mancanza. Purtroppo sono in tante a dover lasciare il calcio per lavoro ed Elisa ne è un esempio. Saprá sicuramente fare ottime cose nel nuovo percorso di vita che l`attende e da parte nostra le auguriamo il meglio per il suo futuro.”