Notizie
Categorie: Dilettanti - Promozione

Real Cava Frattocchie, Izzo: "Fase decisiva della stagione"

Le parole del giovane terzino in campo contro lo Sporting Velletri domenica scorsa: "Siamo primi ma il campionato è ancora lungo"



Alessandro Izzo ©Real Cava Frattocchie 78E’ stato un gol del solito Massullo a permettere al Real Cava Frattocchie di restare in vetta da solo nel girone H di Seconda categoria. Ma secondo il 19enne esterno difensivo Alessandro Izzo la squadra marinese avrebbe meritato di vincere con uno scarto maggiore nel match interno con lo Sporting Velletri conclusosi sull’1-0. «Abbiamo fatto una buona partita non correndo praticamente mai rischi – dici Izzo – anche se siamo partiti un po’ lentamente e abbiamo dovuto aspettare il finale di prima frazione per sbloccare il risultato grazie ad un gol di Massullo, che ha risolto una mischia nata dagli sviluppi di un calcio da fermo. Nella ripresa siamo stati più brillanti a livello di gioco, ma non siamo riusciti a raddoppiare anche perché abbiamo colpito ben quattro legni». L’ex giocatore della Juniores del Cava dei Selci parla poi dell’incredibile equilibrio che regna nella vetta del girone. «Dietro di noi ci sono ancora Real Torbellamonaca e Arcefo che, se non avessero pareggiato lo scontro diretto, sarebbero state ancora a braccetto con noi. E’ la dimostrazione di un campionato durissimo e avvincente, difficile dire come andrà a finire, ma noi dobbiamo pensare una gara alla volta». La prossima sarà davvero impegnativa per i ragazzi del presidente Roberto Grossi e di mister Luca Santamaita. «Faremo visita all’Atletico Garbatella, squadra attuale quarta forza del girone che in casa sarà sicuramente un avversario tosto da affrontare. Anche all’andata ci misero in difficoltà e il match finì sull’1-1: considerando che successivamente avremo il big match con il Real Torbellamonaca e che più in là ci sarà pure lo scontro diretto con l’Arcefo, possiamo dire che siamo nella fase decisiva del campionato» sottolinea Izzo. Il Real Cava Frattocchie si presenta a questo rush finale da primo in classifica, ma l’equilibrio è sottile e non bisognerà commettere errori per centrare quello che è il “sogno” di un gruppo di amici che hanno fondato questo club: riportare il sodalizio marinese nel calcio dilettante “che conta”.