Notizie
Categorie: Dilettanti - Promozione

Real Colosseum: la vittoria in due mosse di Ivano Bellei

L'analisi tattica del match di Coppa Italia vinto in inferiorità numerica contro la Pro Calcio Lenola



Il tecnico del Real Colosseum Ivano BelleiMinuto 45’ di Real Colosseum-Pro Calcio Lenola, i romani stanno attaccando per ribaltare la sconfitta maturata all’andata. La dea bendata sembra non sorridere ai ragazzi di Bellei, che hanno già colpito due legni con Babbucci e Bufalini. Si sta per tornare negli spogliatoi, ma prima del riposo la gara si complica ulteriormente per il Real Colosseum. Commentucci con un tocco di mano salva sulla linea una conclusione di De Simone. L’arbitro non ha dubbi: calcio di rigore ed espulsione per il numero 5. Mallozzi dal dischetto è una sentenza e porta avanti la Pro Calcio Lenola. Si torna negli spogliatoi con i padroni di casa con un piede e mezzo fuori dalla Coppa Italia e con la necessità di cambiare il proprio assetto tattico. É qui che il tecnico Ivano Bellei vince la partita. Fuori l’esterno alto Salusest, mai entrato in partita, dentro l’esterno basso Materazzi, con conseguente scivolamento centrale di Alcini. La difesa è così sistemata, ora bisogna inventarsi qualcosa per poter pungere in avanti, dato che bisogna realizzare almeno due reti per andare ai supplementari. I tre di centrocampo non si possono toccare. Giacché è il cervello della squadra, Pennazzi dà sostanza al reparto e non si può rinunciare agli inserimenti di Bufalini. Bisogna quindi togliere un attaccante per far posto a Pangrazi. Bellei capisce che l’inferiorità numerica può portare il Colosseum a ricercare più spesso la palla lunga, di conseguenza non può uscire un ariete come Babbucci. Il sacrificato è quindi Matozzo, giocatore che predilige maggiormente la palla sui piedi. La sostituzione si rivela vincente. Giacché sale in cattedra prendendo per mano la squadra, Pangrazi si inserisce alle spalle di Babbucci facendo sempre male alla retroguardia ospite. Il resto lo sapete: venti minuti di gioco in avvio di ripresa e tre gol, due di Pangrazi e uno di Bufalini, scaturito da una spizzata di Babbucci e Real Colosseum agli ottavi di finale.