Notizie
Categorie: Calcio a 5 - C/5 Regionali

Real Podgora beffato dalla doppietta di Margani

La squadra di Paccassoni si fa rimontare da due acrobazie del numero undici del Penta Pomezia che fissa il risultato sul 4-4



REAL PODGORA – PENTA POMEZIA 4-4

MARCATORI 6’pt Ciuffa, 10’pt Montalto, 1’st Biondolillo, 3’st Cesari, 7’st Ciuffa, 21’st Babusci, 30’st Margani, 31’st Margani

REAL PODGORA Compagni, Rango, Capogrossi, Altobello, Paolucci, Pinna, Ciuffa, Montalto, Barbierato, Cesari, Rizzato, Ciarla ALLENATORE Paccassoni

PENTA POMEZIA Di Stefano, Pasquale, Proietti, Biondolillo, Babusci, Galasso, Sette, Valenza, Carioti, Perelli, Margarni, Casagrande ALLENATORE Masci

ARBITRO Roberti di Aprilia

NOTE Espulso 30’pt Valenza Ammoniti Valenza, Ciuffa, Margani 


Il gol del 4-1 di CiuffaNuovo anno vecchio Podgora. Il Real infatti getta via tre punti contro un arcigno Penta Pomezia che, nei minuti finali, porta via un pari preziosissimo con due gol da cineteca. Un pareggio che rallenta la grande scalata dei borghigiani, perfetti per quasi tutta la partita ma poi presi di sorpresa dal finale aggressivo dei rossoneri. E pensare che l’equilibrio iniziale è durato solo cinque minuti, il tempo di far colpire un palo a Ciuffa con Rizzato pericoloso sulla respinta. Prima di quelle cinque lancette d’orologio infatti c’erano state due belle occasioni del Pomezia pareggiate con altrettante dei padroni di casa. Dal palo di Ciuffa in poi però comincia un’altra partita perché poco dopo è sempre il numero dieci protagonista con il gol del vantaggio borghigiano. Il Podgora è una furia e rischia di raddoppiare un minuto dopo con un bel tiro a giro sempre di Ciuffa e con il gol del raddoppio firmato Montalto al 10’. Il Pomezia è in balìa dell’avversario perché la squadra di Paccassoni cresce anche dal punto di vista dell’intensità chiudendo il primo tempo in superiorità numerica (doppio giallo a Valenza) con Ciuffa sempre molto pericoloso. La ripresa parte subito con una bell’azione pomentina che porta Biondolillo a firmare il 2-1 su un bell’assist di petto di Margani. La partita non cambia però perché dopo un salvataggio sulla linea di Rango su un bel diagonale di Margani esce fuori ancora il Podgora. Dopo tre minuti infatti è spettacolare la rete del 3-1 con Cesari che da sinistra fulmina Casagrande con un mancino sotto la traversa. Il Podgora attacca, Ciuffa va ancora vicino al gol ed al 7’ lo trova al termine di una bella ripartenza firmata Rango-Cesari. Sul 4-1 è ancora la squadra padrona di casa a rischiare di andare in gol con il palo di Capogrossi colpito al 18’. Nel monologo borghigiano però spunta fuori il Penta che al 21’ va in gol su punizione con Babusci. È un gol  da non prendere sottogamba perché in realtà riapre la partita, almeno dal punto di vista del punteggio. Due minuti più tardi Margani colleziona due diagonali velenosi mentre i ragazzi di Paccassoni reagiscono con un tiro insidioso di Cesari. Il Pomezia comincia ad uscire fuori e proprio quando la partita si stava avviando alla chiusura colpisce in modo letale. C’è un solo protagonista nei due minuti finali ed è Valerio Margani, prima con una bella rovesciata che vale il 4-3 e poi con un’altra assurda acrobazia che vale il gol del 4-4 ed il pareggio definitivo.