Notizie
Categorie: Calcio a 5 - C/5 Regionali

Real Podgora, dopo l'amichevole di lusso con la Carlisport, tocca all'Ask Pomezia Laurentum

Per la formazione pontina si conclude una settimana ricca di impegni con la sfida contro i rossoneri



Altobello e BoaventuraSettimana ricca di impegni quella del Real Podgora. La squadra del presidente Enrico Segala infatti è reduce dalla bellissima esperienza del Palacesaroni con l’amichevole di lusso disputata contro la Cogianco Carlisport di serie A2. Una sfida che ha riempito d’orgoglio la società borghigiana e che ha messo a dura prova la fase difensiva dei ragazzi di Paccassoni. «Anche queste partite dal risultato scontato possono servire per farci crescere – ha detto proprio l’allenatore del Podgora – la Cogianco Carlisport è una squadra di un altro pianeta, noi siamo solo onorati e contenti perché avere dall’altra parte un quintetto che gioca a questi ritmi può farci solo che bene». Una bella esperienza anche per chi in campo c’era come Simone Altobello, al suo terzo anno al Real Podgora e vera colonna dello spogliatoio borghigiano. «Abbiamo avuto la possibilità di confrontarci con giocatore di altissimo livello e con ritmi completamente diversi dai nostri, sicuramente una bella esperienza». Ha detto il giocatore del Podgora parlando della partita di Genzano ma domani però (venerdì 10 ottobre ore 20.30) si torna a giocare per i tre punti perché c’è il campionato con l’Ask Pomezia Laurentum attesa al Ciotti. «Sarà una gara difficile come tutte – prosegue Altobello – ma l’importante sarà entrare in campo determinati sin dal primo istante. Contro l’Anziolavinio abbiamo dimostrato ancora una volta che questa squadra ha carattere, ora dobbiamo solo lavorare per correggere gli errori usciti fuori in questo avvio di stagione. Sabato abbiamo avuto un blackout improvviso che ci è costato il momentaneo 4-1 ma per fortuna poi ci siamo ripresi. Bisogna partire dal presupposto che in questo campionato non sono permessi cali di concentrazione perché affrontiamo tutte squadre molto organizzate». Tre punti con l’Anzio che hanno cancellato quel difficile esordio con il Città di Cisterna, una gara ben giocata ma mai chiusa: «Siamo stati troppo frettolosi nel cercare la porta, abbiamo lavorato molto sotto questo aspetto e mi auguro che la squadra giochi con la testa, senza forzare». Un inizio comunque positivo per i ragazzi di Davide Paccassoni che ha disposizione una rosa ampia e di qualità con l’obbligo di dover tenere fuori tanti ottimi elementi: «Già sapevo che quest’anno non sarebbe stato facile giocare con continuità – conclude l’ultimo borghigiano – nel mio ruolo siamo in quattro e poi quest’anno c’è la novità degli under 23 che fa la differenza. Forse un altro, al mio posto, avrebbe scelto di cambiare aria ma io sono voluto restare con una società che tre anni fa mi ha accolto a braccia aperte. Prima di essere una squadra siamo un gruppo, forse quest’anno giocherò poco ma non importa, l’importante è che, anche da fuori, possa dare il contributo ai miei amici. Già l’anno scorso abbiamo dimostrato che il gruppo è una delle nostre armi e quindi sono convinto che anche questa volta  il gruppo  potrà togliersi tante soddisfazioni». Per la gara con la squadra pomentina il tecnico Paccassoni dovrà rinunciare allo squalificato Pinna e l’infortunato Paolucci, prima convocazione per Capogrossi. Il menu della squadra borghigiana però non si ferma qui, prima della partita di Coppa di martedì prossimo infatti ci sarà un altro test amichevole (sabato 11 ottobre) contro il Real Latina di seri D.


Convocati.  Sabatino,Ciarla, Mameli, Montalto, D’Uva, Capogrossi, Bacoli, Zacchino, Rizzato, Cristofoli, Barbierato, Del Duca, Cesari