Notizie
Categorie: Calcio a 5 - C/5 Regionali

Real Podgora, il bilancio di Paccassoni: "Ci manca esperienza, ma bene così"

Il tecnico pontino si prepara per la sfida in casa del Gaeta e recupera tre elementi importanti: Cristofoli, Ciuffa e Piovesan



Davide PaccassoniSolo due settimane fa la stagione sembrava aver trovato la sua svolta con importanti vittorie sia con le big che le più piccole ma in poco tempo il Real Podgora è tornato di nuovo al punto di partenza. Un punto che regala comunque tante soddisfazioni ad una matricola di questo campionato stabilmente nella metà alta della classifica seppur con qualche rammarico. In casa borghigiana però è difficile pensare negativo ed è per questo che l’allenatore Davide Paccassoni resta sempre molto sereno: “Fino ad ora resta un bilancio positivo – esordisce il mister del Real – non dico molto positivo perché abbiamo perso punti fondamentali per strada e chi ha visto le partite sa benissimo che non abbiamo mai sofferto nessun avversario. Spesso i punti lasciati per strada sono frutto di inesperienza mia e dei miei ragazzi ma siamo qui per continuare il nostro processo di crescita considerando che non conoscevamo il valore della categoria.  Un calo fisico e mentale ci può stare specialmente quando ti trovi senza quattro o cinque giocatori del quintetto base assenti in alcune partite. Ovviamente tutto il gruppo ne risente ma confermo che l’inesperienza ha giocato un ruolo importantissimo. La società è giovane, anche i giocatori e l’allenatore deve migliorarsi. Direi che si può sempre crescere e c’è sempre qualcosa che manca per essere pienamente soddisfatti”. Domani pomeriggio (ore 15) ci sarà l’importante trasferta di Gaeta, un altro test fondamentale per il Podgora, un tipo di gara che però la squadra raramente ha sbagliato sotto il profilo della concentrazione e del gioco. Il vero ostacolo sembra essere rappresentato dalle formazioni che fanno parte della cosiddetta parte destra della classifica, squadre che hanno tolto parecchi punti a questo Real. Anche in questo caso però Paccassoni pensa sempre ai margini di miglioramento: “In questo campionato si vince in molti casi giocando di ripartenza. Io lavoro per giocarci, partita per partita, le carte a nostra disposizione: un buon possesso e delle buone ripartenze. Può succedere che siano gli altri a chiudersi bene e ripartire e per questo non vedo nostri limiti, purtroppo ci sono gare dove non tutto ci riesce. C’è tanta rabbia per queste partite ma dobbiamo rifarci, ora arrivano due grandi squadre come Gaeta e Velletri, noi non temiamo nessuno considerando anche che recupereremo importanti elementi che possono farci la differenza”. Un girone che presenta tante grandi, molte squadre che si stanno giocando il podio di questo avvincente campionato. Tante sfide combattute, alcune perse, altre vinte ma una sola ha impressionato il mister borghigiano: “Ci sono tante valide avversarie ma sono rimasto colpito dalla qualità e l’esperienza della Gymnastic Studio Fondi, una squadra costruita per tornare presto in C1”. Nelle mani del Real Podgora però rimane un girone di ritorno da affrontare con grande determinazione a partire dalla sfida di domani contro un’avversaria che all’andata si impose con un gol di scarto in una gara rocambolesca ma quanto mai spettacolare: “Ogni partita è un’esperienza in più – conclude Paccassoni – non buttiamo via nulla anzi dobbiamo fare tesoro di tutto e cercare di tramutare i lati negativi in positivi”.