Notizie
Categorie: Giovanili - Giovanissimi

Real Tuscolano all'inglese in casa: Cavese 1919 ko

Con una rete per tempo, di Rosadini e Petrocchi, i locali archiviano la pratica e centrano i 3 punti



REAL TUSCOLANO - CAVESE 1919 2-0


MARCATORI: 11’st Rosadini, 39’st Petrocchi

REAL TUSCOLANO: Poli, Sirignano, Capponi, Rosadini, Botticelli (1’st Fedele), Bourelly, Barbaresi (2’st Polani), Pepperosa, Petrocchi, Soru, Balistreri (15’st Grosso, 34’ st Pinchiurri). PANCHINA: Rossi, Grieco, Renzi. ALLENATORE Marzullo.

CAVESE 1919:  Falcone, Procacci, Gramiccia, Lena, D’Emilia, Bangrazi, Fusco (23’st Mammetti), Ronci (19’st Tunnia), Kogi, Di Iulio, Rinaldi. PANCHINA: Rossi, De Rose, Diuroni, Fransesini. ALLENATORE: Maialetti.

ARBITRO: Rossi di Roma.

Jason Bourelly, tra i migliori ©Mirna De CesarisBella dimostrazione di forza dei Giovanissimi Provinciali del Real Tuscolano, che superano in casa 2-0 la Cavese, e la staccano di tre punti in classifica facendola scivolare al quarto posto del girone G. Per il Real Tuscolano, che la settimana prossima andrà a fare visita alla capolista Valmontone, si tratta della sesta vittoria consecutiva in campionato, arrivata al termine di una gara paziente in cui ha fatto valere la sua migliore condizione atletica nei confronti degli ospiti, già superati con lo stesso punteggio nella gara d’andata. Marzullo recupera Balistreri e lo piazza alle spalle di Petrocchi e Barbaresi, e costruisce un centrocampo robusto con Rosadini, Pepperosa e Soru. La Cavese parte forte e dopo aver rischiato di subire gol da Petrocchi, che si è visto bloccare da Falcone una bella conclusione da posizione defilata, prende in mano le redini del gioco. Maialetti punta tutto sulla coppia offensiva composta da Kogi e Rinaldi, che costringono Bourelly - autore di una prestazione mostruosa in cui non sbaglia niente - e Botticelli agli straordinari. Al 13’ Kogi è lanciato in profondità, brucia Botticelli sullo scatto ma sbaglia la misura del pallonetto. Un minuto dopo azione fotocopia, stavolta è bravissimo Poli ad uscire al limite e ad opporsi alla conclusione del centravanti. Ancora Cavese pericolosa al 25’: la punizione di Di Iulio attraversa tutta l’area di rigore, senza che nessuno riesca a deviare. Due minuti dopo è ancora Kogi a sfuggire al controllo di Botticelli, la sua conclusione però termina fuori. In avvio di ripresa Marzullo cambia volto alla squadra inserendo Fedele al centro della difesa e Polani in avanti. Entrambe le scelte sono azzeccate, soprattutto la seconda perché l’attaccante metterà il suo marchio sul match. La Cavese cala vistosamente dal punto di vista fisico e il Real ne approfitta. All’11’ Polani va sulla bandierina del calcio d’angolo a riconquistare un pallone che sembrava perso e guadagna un corner. Sulla battuta di Sirignano, al quattordicesimo assist stagionale, Rosadini salta più in alto di tutti e di testa la mette alle spalle di Falcone, uscito in leggero ritardo. Per il centrocampista, che sta attraversando un periodo di forma straordinaria, si tratta del sesto gol in campionato, a coronamento dell’ennesima partita in cui ha percorso parecchi chilometri senza perdere qualità. Avanti di un gol il Real prende sempre più campo e chiude la Cavese nella propria area: al 20’ Falcone si deve superare per deviare in angolo un gran tiro dal limite di Soru e tre minuti dopo dice di no a Grosso, liberato da Petrocchi. Al 24’ Polani è steso in area in maniere evidente, ma l’arbitro lascia correre, sul proseguimento dell’azione lo stesso attaccante calcia alto sopra la traversa. L’assedio del Real prosegue: al 25’ Rosadini inventa un passaggio in profondità per Grosso, che però perde il tempo e si divora il raddoppio. Lo stesso attaccante, entrato a metà tempo al posto di Balistreri, è costretto ad uscire al 34’ a causa di una distorsione al ginocchio. Nel terzo dei quattro minuti di recupero concessi dall’arbitro il Real chiude i giochi: è sempre Polani con un lancio millimetrico a liberare Petrocchi, che ha ancora la forza per bruciare sullo scatto un difensore, calciare in porta e dopo la respinta del portiere ribadire in gol - il diciannovesimo in 21 gare di campionato - del definitivo e meritato 2-0.