Notizie

Rigenerazione urbana nella capitale, giovedì la presentazione di "Testaccio/Porta Portese il Territorio dell'innovazione"

Una nuova prospettiva di sviluppo urbanistico della capitale studiata da Urban Ground.



Image titleIl futuro della nostra città in una nuova prospettiva dello sviluppo urbanistico di Roma, legata alla valorizzazione delle identità territoriali per la rigenerazione dei territori urbanizzati. Una metropoli che parta dalle sue enormi  potenzialità e dalle tante criticità per rilanciarsi verso un futuro realmente europeo, anche attraverso l’uso di un linguaggio architettonico finalmente contemporaneoe al servizio dei bisogni e desideri dei cittadini. Il 17 Luglio 2014 le associazioni capitoline promuovono un incontro per parlare di tali tematiche ed illustrare il progetto di Rigenerazione proposto da Urban Ground quale proposta metodologica di intervento sull’area di Porta Portese/Testaccio. Architettura e urbanistica sono solo strumenti, finalizzano ed organizzano idee, istanze ed emozioni che nascono dalla vocazione di un territorio e di chi lo vive. La forma delle nostre città deve nascere da una idea condivisa, da un desiderio di migliorare il presente ed il futuro dei luoghi che abitiamo, creando insieme obiettivi ed immagini da tradurre in progetti e pianificazione. In questo processo l’arte contemporanea non può che avere un ruolo essenziale, come avviene ed è avvenuto per altre realtà europee, laddove gli artisti sono motore dei processi di rigenerazione con un contributo essenziale. Alle idee e ai desideri deve necessariamente seguire la pianificazione e la finalizzazione da parte anche delle istituzioni che, sulla scorta delle esperienze “partecipate”, possono avviare concreti programmi di rigenerazione di ambiti vasti, dove favorire gli interventi privati epubblici che “lavorano” verso la concretizzazione delle istanze definite e la valorizzazione delle identità dei territori. Più che di architettura partecipata, si deve parlare di architettura “finalizzata”, all’interno di un processo i cui obiettivi siano chiari e condivisi subito, così che ogni intervento attivato negli ambiti stessi possa essere valutato nella sua capacità di finalizzare e dare senso compiuto ai desideri dei cittadini. Rigenerazione deve essere quindi un modello di pianificazione che parta sempre da uno scenario futuro, così chel’Amministrazione e la strumentazione urbanistica siano solo uno strumento che concretizzi in tempi certi un idea di città, elaborata con un processo virtuoso, a cui debbono e possono contribuire tutti, nell’ambito di un processo di ri-generazione di idee per ambiti omogenei, con tempistiche definite ed il contributo soprattutto di chi vive e lavora con le idee, e si pone sempre la necessità di superare, comunque, un presente che diventa solo il luogo da cui partire e andare via.