Notizie
Categorie: Giovanili - Allievi

Rocco trascina il Palestrina, ma il primo gol fa arrabbiare la Fortitudo Roma

La doppietta del fantasista permette agli arancioverdi di sbancare l'Ostiense, ma la rete che sblocca il match è viziata da una distanza non rispettata e da un fallo di mano



FORTITUDO ROMA - PALESTRINA                 0-2

MARCATORI Rocco 27' st, 30' st 

FORTITUDO ROMA Natalini 6, Basoccu 6 (38' st Gualandri sv), Tocci 6, Cosseddu 6 (16' st Cantone 6), Di Giacomo 6.5 (40' st Gucino sv), Di Tolla 6.5, Mastriani 5.5, Zara 6 (32' st Silva sv), Martella 6 (40' st Scalpetti sv), Reggiani 6, Corazza 6 (40' st Sileno sv) PANCHINA Filippo Tordella ALLENATORE Basoccu 

PALESTRINA Coculo 6.5, Pepe 6, Della Rocca 6, Felici 6 (32' st Blaiotta sv), Di Mambro 6, Cuppone 6, Sforza 6, Enfemia 6.5, Colonna 6 (16' st Squarcia 6), Rocco 7 (42' st Fiori sv), Denni 6 (25' st Cardellini 6) PANCHINA Cangemi, Urbani, Caroletti, Miani ALLENATORE Dari 

ARBITRO Bartoleschi di Roma 2 , 5

NOTE Espulso Mastriani (F) 35' st per proteste Ammoniti Pepe, Zara, Reggiani, Di Tolla, Colonna, Di Mambro, Squarcia, Della Rocca Angoli 4-1 Fuorigioco 0-0 Rec. 1' pt, 4' st

E' Rocco a fare la differenza nel match dell'Ostiense tra Fortitudo e Palestrina. Il numero dieci ospite, che già nelle prime giornate ci aveva mostrato ottime doti realizzative, spezza l'equilibrio che ha regnato sul Lungotevere fino alla mezz'ora della ripresa, quando con una doppietta in tre minuti ha prima aperto le danze e poi le ha chiuse, anche se non sono mancate le polemiche, soprattutto per un evidente controllo di mano sulla prima marcatura.

Una fase del match dell'Ostiense © foto MasiaPassano pochi secondi e la Fortitudo si fa già pericolosa sugli sviluppi di un calcio di punizione, ma il colpo di testa di Martella è troppo centrale per impensierire Coculo che blocca sicuro.
La prima parte di gara è equilibrata, ma sono ancora i padroni di casa a farsi vedere. Sempre Martella protagonista, che vince un contrasto al limite dell'area e si presenta a tu per tu con il portiere, ma gli calcia addosso sprecando la prima vera palla gol dell'incontro. La reazione arancioverde arriva intorno alla mezz'ora. Punizione dalla tre quarti con Rocco che prova il tiro direttamente in porta. Decisiva la deviazione di Coculo, con la sfera che impatta contro la traversa. Sul seguente corner è Di Mambro a saltare più in alto di tutti, ma Natalini riesce a respingere con una bella parata all'angolo basso. Il primo tempo si esaurisce senza altre emozioni, se non una grande azione personale di Rocco al 38', ma è ancora Natalini a rispondere presente sulla deviazione ravvicinata di Colonna.

Nella ripresa i ritmi non cambiano e l'equilibrio sembra non volersi spezzare anche se sono i padroni di casa a tentare qualcosa in più. Passano solamente sei minuti ed è Basoccu a farsi vedere sulla destra, bel cross per Martella ma la sua mira è sballata. Intorno al quarto d'ora ci prova Reggiani dalla distanza, la sua conclusione viene deviata contro la traversa da un'ottima parata di Coculo, sulla respinta arriva prima di tutti Mastriani, ma spreca tutto colpendo male il pallone. Il match si gioca prevalentemente a centrocampo, almeno fino al 27', quando arriva l'episodio che stravolge le carte in tavola. La Fortitudo batte velocemente una punizione per far valere la regola dei tre metri da concedere a prescindere dalla richiesta o meno della distanza. L'arbitro lascia correre, il Palestrina batte il fallo laterale che ne consegue mentre i ragazzi di Basoccu protestano, Rocco controlla con un braccio e si invola verso Natalini scavalcandolo con un bel pallonetto. Inutili le proteste dei locali, che accusano il colpo e perdono la concentrazione. Infatti dopo appena tre minuti arriva lo 0-2. Protagonista ancora il numero dieci di Dari, che recupera palla a metà campo e dopo trenta metri dicorsa insacca sul secondo palo con un sinistro chirurgico. La Fortitudo prova a reagire, ma senza convinzione e il rosso rimediato da Mastriani complica ulteriormente le cose, con il Palestrina che può festeggiare un altro bel colpo in trasferta.